Zone gialle da agosto per l’aumento dei contagi causati dalla variante Delta

da | 16 Lug 2021 | Coronavirus

I nuovi contagi di ogni settimana spaventano gli italiani e si sta parlando di un ritorno alla zone gialle da agosto per diverse Regioni.

 

Rischio di zona gialla nel futuro prossimo?

L’attuale decreto scadrà il 31 luglio e il Governo si sta già mobilitando per una modifica dei parametri.

Al momento, però, gli italiani possono tirare un sospiro di sollievo perché non ci sono rischi di ritrovarci nuovamente in zona gialla nel futuro prossimo. 

Se dovessimo arrivare a più di 50 casi ogni 10.000 abitanti, la zona gialla potrebbe essere comunque evitata a meno che non ci sia un serio aumento dei letti ordinari e di terapia intensiva occupati. 

E’ realista, al momento, pensare che potremo rimanere in zona bianca ancora per molti mesi.

 

La maggior parte delle Regioni è a rischio moderato

Nonostante al momento la situazione sia relativamente sotto controllo, ben 19 Regioni sono a rischio moderato, con soltanto Valle d’Aosta e Trento classificate a “rischio basso”.

La buona notizia è che nessuna regione, al momento, supera la soglia critica dei letti in aerea medica o in terapia intensiva.

La situazione Covid-19, per ora, è quindi sotto controllo in Italia e quando parliamo dei contagi è importante tenere di conto non solo il numero dei contagi ma più che altor quello degli ospedalizzati.  

Seconda dose Johnson & Johnson, l’Ema avvia la valutazione

 

Zone gialle da agosto, la variante Delta potrebbe far aumentare di molto i contagi

Questa è la paura principale. Ormai la velocità di diffusione della variante Delta è conosciuta, perché questa è molto più contagiosa delle altre varianti, ma al momento nessun allarme proviene dagli ospedali. 

Tuttavia, è importante continuare con la campagna di vaccinazione, unico modo per tutelarci il più possibile dall’avanzamento del Covid-19, specialmente della variante Delta, per evitare che questa variante faccia aumentare, anche di molto, il numero dei contagi nei prossimi mesi.

 

Il governo pensa di rendere il Green Pass obbligatorio in tutti i luoghi a rischio assembramento come in Francia: palestre, discoteche e ristoranti al chiuso.

Dato l’aumento dei contagi, causati principalmente dalla variante Delta nonché dall’allentamento delle restrizioni, il Governo sta vagliando la possibilità di rendere obbligatorio il Green Pass nelle palestre, nelle discoteche e nei ristoranti al chiuso. In poche parole, in tutti quei luoghi causa di assembramento. LEGGI TUTTO


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: