Ambiente     Animali     Arredamento     Arte-Cultura     Economia     Edilizia-Immobili     Energia     Eventi     Fiere     Food     Lavoro     Libri     Marketing     Mobilità-Viaggi     Moda     Musica     Salute-Benessere     Tecnologia

World Pasta Day: Deliveroo celebra la “Pasta del giorno dopo”

da | 20 Ott 2022 | Ristorazione

Il 25 ottobre è il World Pasta Day. E il 26? La Giornata Mondiale della Pasta del giorno dopo

Quest’anno, in occasione della Giornata Mondiale della Pasta, Deliveroo raddoppia. E celebra la ricorrenza riservata ad una delle specialità regine della cultura gastronomica italiana, sempre più protagonista anche dei consumi a domicilio, con una giornata dedicata alla capacità di reinventare e reinterpretare la pasta che, da avanzo, può rivivere in nuovi e gustosi piatti. Il tutto, all’insegna della sostenibilità e della lotta allo spreco, temi di grande attualità con cui confrontarsi, specie in un periodo come quello attuale.

E come fare a dar nuova vita alla pasta? Grazie ai giusti accorgimenti! Come, ad esempio, quelli di Ruben Bondi – noto chef tiktoker romano, conosciuto per la sua cucina sul balcone di casa e volto tv. Bondi per Deliveroo ha reinterpretato fettuccine e spaghetti cucinati il giorno prima, in due imperdibili ricette “di recupero” da realizzare a casa.

Pasta protagonista a domicilio: +130% negli ordini di chi sceglie Deliveroo per la fare la spesa. 

La pasta è sempre più protagonista a domicilio. Deliveroo, che conta circa 2.000 supermercati da cui acquistare generi alimentari, ha registrato nel terzo trimestre del 2022, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un incremento del 130% negli ordini di pasta, per quanti scelgono la App per fare la spesa. I formati preferiti? Tra le oltre 500 referenze disponibili, in testa le penne rigate, davanti a spaghetti, fusilli, farfalle e rigatoni

Tagliatelle al ragù la ricetta preferita davanti a carbonara e lasagne.

Tra le ricette invece, in testa alle preferenze si posizionano le classiche ed intramontabili tagliatelle al ragù, davanti alla carbonara e lasagne alla bolognese. Tra le scelte più gettonate dai circa 4.000 ristoranti partner di Deliveroo che offrono pasta, anche ricettazioni a base di pesce come e linguine allo scoglio e spaghetti con le vongole.

La geografia della pasta a domicilio: Alghero, Merano e Cecina sul podio delle città pasta lover 2022.

Quali sono le città che più amano ordinare pasta a domicilio? Nella speciale classifica stilata da Deliveroo, calcolata considerando gli ordini di pasta sul totale degli ordini, in testa si posiziona Alghero (SS), seguita da Merano (BZ) seconda, e Cecina (LI) terza. In quarta posizione Verbania davanti a Rovereto (TN). Seguono Casalpusterlengo (LO), Nuoro, Imperia, Cesena e Montecatini Terme a chiudere la Top 10.

Le ricette per la pasta del giorno dopo firmate dallo chef Ruben Bondi.

  • Timballo di fettuccine al ragù di tonno con besciamella e pecorino

 

Ingredienti

Per le fettuccine

  • 400gr fettuccine all’uovo
  • 500gr tonno fresco
  • 1 carota
  • 2 coste sedano
  • 2 cipolle bianche
  • 1lt salsa di pomodoro
  • 50ml vino rosso
  • Olio evo q.b
  • Sale q.b
  • Pepe q.b
  • Alloro q.b
  • Rosmarino q.b

Per completare il timballo

  • 500ml latte
  • 50gr burro
  • 50gr farina
  • 100gr pecorino

Preparazione

  • Preparate una besciamella mettendo a scaldare il latte in un pentolino.
  • Separatamente preparate il roux quindi sciogliete il burro, aggiungete la farina e fate tostare leggermente. Aggiungete il latte ormai caldo e cuocete fino ad ottenere una besciamella.
  • Prendete le fettuccine avanzate. Io le ho fatte seguendo la ricetta classica del ragù alla bolognese, solo che con tonno fresco. A seguire i classici aromi in cui poi ho rosolato il tonno, vino rosso qualche erbetta e salsa di pomodoro. Un paio d’ore di cottura bastano.
  • Quindi aggiungete la besciamella, un po’ di pepe e stendete su una teglia da forno.
  • Ora spolverate tutta la superficie con pecorino romano e cuocete in forno a 220°C per 20 min, poi grill per altri 3 min.

 

Bombette di pasta ai funghi e provola

Ingredienti

Per la pasta

  • 150gr pasta mista
  • 300gr funghi pioppini
  • 30ml vino bianco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 scalogno
  • 40gr parmigiano
  • Sale q.b
  • Pepe q.b
  • Olio evo q.b
  • Prezzemolo q.b

 

Per completare la ricetta

  • 300ml latte
  • 30gr burro
  • 30gr farina
  • 50gr provola affumicata
  • 150ml farina
  • 180ml acqua
  • 300gr pangrattato
  • 150gr corn flakes
  • 1lt olio di semi

 

Preparazione

  • Preparate una besciamella mettendo a scaldare il latte in un pentolino.
  • Separatamente, preparate il roux quindi sciogli il burro, aggiungete la farina e fate tostare leggermente. Aggiungete poi il latte ormai caldo e cuocete fino ad ottenere una besciamella.
  • Aggiungetela alla pasta ai funghi avanzati. Io ho fatto una pasta mista ai funghi pioppini saltati con aglio e scalogno, vino bianco e un po’ di prezzemolo.
  • Aggiungete anche la provola tagliata a cubetti e stendete il tutto su una teglia ricoperta di carta forno. Quando la pasta sarà tiepida mettete in frigo con un peso sopra per 2 ore o in freezer per 1 ora.
  • A questo punto tagliate l’impasto in parti uguali, e dopo esservi bagnati le mani, fate delle palline della grandezza di una palla da golf.
  • Ora preparate 3 ciotole: la prima con del pangrattato, la seconda con i corn flakes sbriciolati e un po’ di pangrattato e la terza con una pastella di acqua e farina.
  • Passate le bombette prima nella pastella, poi nel pangrattato, di nuovo nella pastella e per ultimo nei corn flakes. Pressate bene e compattate, dando la forma tonda.
  • Friggete in olio caldo a 170°C fino a doratura.

 

A proposito di Ruben Bondi

Ruben Bondì nasce a Roma il 2 luglio del 1997. Inizia ad appassionarsi alla cucina già all’età di 15 anni frequentando la scuola alberghiera “Vincenzo Gioberti” di Roma e contemporaneamente lavorando al fianco dello Chef stellato Roberto Franzin. 

In seguito si trasferisce a Londra, dove lavora presso l’hotel a 5 stelle lusso “The Ned”. Dopo un breve periodo all’estero torna in patria e comincia la sua carriera da Personal Chef in città come Roma e Milano, continuando anche a lavorare all’estero. Attualmente è volto fisso di Detto Fatto su Rai 2, e conta una fanbase sui social di milioni di followers.