fbpx
Pubblicità

Bergamo è una città incantevole, destinazione perfetta per un fine-settimana ma anche per una vacanza più lunga. Abbiamo stilato una lista delle attività che devi assolutamente provare. Pronto a prender nota?

 

La funicolare dalla città bassa alla città alta

Per raggiungere la Città Alta, opta per la funicolare. Le funicolari attraversano Bergamo da centoventi anni. Dalla Città Bassa sali fino alla Città Alta godendo di bellissime viste su mura antichissime e perfino sulle Alpi.

Il tragitto dura pochi minuti e poi sarete nel cuore di Bergamo, la Città Alta, e qui potrete ammirare Piazza Mercato delle Scarpe, Piazza Vecchia, il Palazzo della Regione con la meridiana e il Museo degli Affreschi.

Pubblicità

 

Piazza Vecchia

Nel paragrafo precedente è stata menzionata ma è necessario dedicarle qualche riga in più perché Piazza Vecchia è stata considerata una delle piazze più belle d’Europa dall’architetto e urbanista Corbusier.

Luogo di bellezza e tranquillità interrotta solamente dall’andirivieni di turisti. Perfetta anche per una pausa per un pasto o uno spuntino grazie ai numerosi ristoranti e caffè, al centro c’è la Fontana Contarini, e tutt’intorno, il Palazzo della Regione, il Palazzo del Podestà, la Biblioteca Angelo Mai, il Campanone.

 

Il Palazzo della Ragione

Il più antico palazzo comunale d’Italia, fu distrutto e ricostruito più volte e deve la sua attuale forma alle modifiche eseguite intorno al 1540. La meridiana, invece, risale al 1798 ed è opera dell’abate Giovanni Albrici. Il sole passa attraverso a un disco forato che si trova a sette metri di altezza, illuminando le lastre che si trovano sul pavimento del porticato indicando il mezzogiorno solare e il segno zodiacale, quindi il mese alla stagione.

Portapacchi per auto, 5 suggerimenti per la scelta perfetta in vista dell’estate

Non guardare l’orologio perché il mezzogiorno segnato dalla meridiana è appunto quello solare e non corrisponde a quello del tuo orologio. L’ora consigliata per ammirare il fenomeno è mezzogiorno, ovviamente, ma ricordati di prendere il tempo con le pinze, e non essere troppo preciso! Da vedere, la Sala delle Capriate al primo piano e il Museo degli Affreschi che conserva circa cento affreschi recuperati a Bergamo e provincia. L’ingresso è gratuito se non sono presenti mostre.

 

La Torre Civica e il Palazzo del Podestà

Conosciuta come “il Campanone”, in realtà stiamo parlando della Torre Civica. Simbolo di Bergamo che svetta verso il cielo con i suoi 53 metri d’altezza, diventando una delle torri più alte d’Europa, ogni sera alle 22.00 il Campanone svolge la sua funzione secolare, ovvero suonare cento rintocchi per avvisare della chiusura delle porte della Città Alta.

È possibile salire sulla torre e ammirare il panorama da lassù. Per farlo hai due opzioni, salire 230 gradini a piedi oppure optare per la comodità grazie all’ascensore. Il Palazzo del Podestà si trova vicino al Campanone e ospita un museo multimediale sulla storia di Bergamo. E’ possibile visitare entrambi con un biglietto da 5 Euro.

 

Basilica di Santa Maria Maggiore

Piazza Duomo è un’altra piazza molto importante a Bergamo, famosa per il potere religioso (il potere di piazza Vecchia, invece, è di tipo amministrativo).

Estate 2021, gli italiani preferiscono l'Italia ma pesa ancora l'ombra della pandemia sui consumi

La Chiesa di Santa Maria Maggiore è l’edificio più importante sia di Piazza Duomo sia di Bergamo. Realizzata nel 1137,è questa la chiesa a cui le persone sono più affezionate, anche se il vero Duomo è quello di Sant’Alessandro, ubicato vicino al Palazzo della Ragione. Da non perdere le tarsie del coro, le varie porte, la crocifissione di Ludwig van Schoor.

 

Accademia Carrara

Non è molto famoso, eppure è uno dei musei più belli d’Italia, quindi è consigliabile inserirlo nel tuo itinerario. Qui potrai ammirare 1793 dipinti di scuola veneta, toscana e lombarda dal Rinascimento a fine 1800.

Tra i lavori più degni di nota, la Madonna con bambino del Mantegna e quella di Tiziano, Il San Sebastiano di Raffaello, Il ricordo di un dolore di Pellizza da Volpedo. Costo del biglietto, 12 Euro.

Pubblicità