Victoria’s Secret si affida a Marlene per il Livestream Shopping

da | 24 Mar 2022 | Marketing-Web

A provare il modello del Livestream Shopping in Italia c’è anche Victoria’s Secret. Dopo i successi di Dmail e Bath & Body Works, il Gruppo Percassi si rivolge a Marlene anche per il marchio americano, alla guida del trend nel nostro Paese.

 

Il Livestream Shopping fa tendenza. Anche in Italia, sui siti dei grandi marchi si diffondono eventi live degli e-commerce in cui gli streamer promuovono gli articoli dello shop.

Il trend nel nostro Paese ha conquistato grosse realtà come Victoria’s Secret Italia, il noto brand specializzato nella vendita di lingerie e prodotti di bellezza, gestito in Italia dal Gruppo Percassi. Per il live streaming sul proprio sito, anche Victoria’s Secret si è affidata a Marlene, la nuova soluzione B2B di Flyer Tech, tra le prime e principali soluzioni nel nostro Paese già provata dal Gruppo Percassi su diversi shop come Dmail e Bath & Body Works.

La diretta, tenuta nello store Victoria’s Secret di Galleria del Corso 4 a Milano, è stata condotta da Chiara, Sales Assistant e Claudio, Visual Merchandiser e se ne può rivedere la replica sul sito. In circa 40 minuti, i due streamer hanno presentato 19 diversi articoli della nuova collezione tra biancheria intima, biancheria da notte, accessori e fragranze per il corpo, raccogliendo una serie di commenti in chat e interagendo vivacemente con gli spettatori. Per la diretta, lo shop ha predisposto una forte scontistica dalla durata limitata con un coupon esclusivo valido per 3 ore.

L’evento, promosso dallo shop sui social e tramite newsletter, ha attirato centinaia di spettatori, generato 300 iscrizioni e portato grande traffico sul sito, che in appena 3 ore (dall’inizio della live a mezzanotte dello stesso giorno) ha visto più di 2000 utenti attivi, di cui oltre la metà erano nuovi utenti. Lo shop ha registrato numerosi ordini anche il giorno dopo, nonostante il coupon non fosse più attivo, e raddoppiato i tassi di conversione.

Risultati notevoli dovuti non solo all’esperienza innovativa e interattiva assicurata dalla tecnologia di live streaming, ma anche alla strategia di promozione e al ruolo degli streamer alla conduzione della diretta, in cui le qualità relazionali caratteristiche dei professionisti di un punto vendita si fondono con quelle tipiche di influencer ed entertainer del web.

Di questo è convinta Marianna Chillau, CEO e Co-Founder di Marlene e Transactionale, nonché Presidente e fondatrice di 4eCom, Associazione di soluzioni digitali nel mondo dell’e-commerce. “Viviamo in un periodo in cui i consumatori online non si accontentano di esperienze d’acquisto fredde e impersonali come quelle degli e-commerce tradizionali. Gli utenti oggi premiano quegli shop che sono in grado di instaurare una connessione intima e personale con la propria audience. Questo è esattamente ciò che permette di fare una diretta sul sito e il merito è in buona parte degli streamer, che in una live interagiscono con gli spettatori allo stesso tempo come intrattenitori e come commessi virtuali”.

 

Il Livestream Shopping porta nell’e-commerce l’esperienza tipica dei negozi

Il Livestream Shopping, in effetti, è lo strumento che oggi si propone di far prendere vita ad un sito e-commerce dando un tocco umano allo shopping online. Da una parte, fondendo lo shopping con l’intrattenimento, grazie a video dirette che sono veri e propri show pensati per coinvolgere gli utenti e stimolarne l’engagement. Dall’altra parte, creando occasioni di interazione che richiamano l’esperienza di shopping a cui i consumatori sono abituati nelle boutique e nei negozi fisici.

 “Non solo le live sono spesso girate in un setting allestito in modo da ricostruire l’ambiente di un negozio, se non direttamente all’interno del negozio stesso – commenta Marianna Chillau – Ma soprattutto, gli streamer entrano in comunicazione con gli utenti esattamente come un addetto vendita farebbe in un negozio con un cliente in persona. Mostrando gli articoli, indossandoli o provandoli, e rispondendo alle domande degli spettatori in tempo reale grazie anche all’aiuto di una buona regia.

Questo, in ultimo, è il fattore determinante per il successo del Livestream Shopping: un fattore che è ‘umano’ prima che tecnologico. Motivo per cui, per un e-commerce intenzionato a trarre il massimo dal live streaming, è fondamentale combinare la scelta della giusta piattaforma alla selezione dei migliori streamer”. Questa l’idea di Marianna Chillau, che per Marlene ha pensato di fornire ai merchant non solo la tecnologia di live streaming della piattaforma, ma anche supporto nell’instaurazione di partnership con influencer e nella definizione di una buona strategia.

È insomma il mix tra interattività digitale ed esperienza “relazionale” tipica dei negozi ad aiutare il Livestream Shopping a raggiungere alti livelli di engagement rate e conversion rate, che con i giusti streamer possono raggiungere valori del 30%, fino a 10 volte i valori dei canali tradizionali[1].

Antonio Carlà, CDO del Gruppo Percassi che con Marlene ha già collaborato per diverse live negli ultimi mesi, afferma: “La live di Victoria’s Secret conferma il successo e l’efficacia di questo strumento, che abbiamo già avuto occasione di vedere all’opera su shop come Dmail e Bath & Body Works. Ciò ci dimostra come questo nuovo modello di vendita si adatti a diversi brand e diverse tipologie di prodotti venduti, contribuendo in ogni caso a nutrire e stimolare la user base con esperienze innovative che gli utenti stanno dimostrando di amare. Adesso guardiamo ad estendere il modello e organizzare nuovi eventi, per continuare a guidare in Italia il fenomeno del Livestream Shopping di cui presto nessuno shop potrà fare a meno”.

[1] https://www.mckinsey.com/business-functions/mckinsey-digital/our-insights/its-showtime-how-live-commerce-is-transforming-the-shopping-experience

Autore: Redazione