fbpx
Pubblicità

Metà del mercato immobiliare italiano è gestito da venditori privati. Vendere da soli non è impossibile ma bisogna saperlo fare. Dopo aver letto questo articolo, però, vi accorgerete che non è così vantaggioso ed economico

 

Di seguito illustro alcune semplici mosse da mettere in pratica per provare a vendere casa privatamente.

1) STABILIRE IL VALORE CORRETTO
Non fate affidamento ad immobili simili al tuo presenti sui portali perché, vi do una notizia, il 50% di loro hanno prezzi troppo alti e rimarranno invenduti! Per una corretta valutazione dovreste essere l’esperto di zona, conoscere le banche dati e soprattutto ricordarvi che siete “coinvolti” nell’operazione e il giudizio è compromesso dall’emotività.

Pubblicità

2) STABILIRE UN PIANO DI MARKETING
Dovete pianificare in ogni singolo particolare la strategia da adottare. Non bastano 4 foto fatte col cellulare e una descrizione approssimativa, chi legge viene attratto dai particolari e se non sai stimolare la sua attenzione, il risultato sarà negativo. La descrizione deve avere l’effetto di una visita “da remoto” dell’appartamento (accattivante nella parte iniziale ed esaustiva nel complesso). Per non parlare del servizio fotografico: sapete che molti decidono se contattarvi in base alla qualità delle foto? Non leggono neppure la descrizione a volte, quindi le immagini devono essere professionali e accompagnate da un virtual tour.

Emissioni CO2, vendere in digitale aiuta l’ambiente a ridurle. Il racconto di Marco Sandrone

3) RACCOGLIERE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA
Dovete avere a disposizione l’atto di provenienza, la certificazione energetica (da indicare sull’annuncio e sul cartello pena pesanti sanzioni amministrative) da produrre entro 30 giorni dalla pubblicazione dell’annuncio, i documenti di tutti i proprietari, le visure catastali e ipotecarie. Ricordatevi che se avete fatto lavori in casa avrete bisogno di tutte le pratiche urbanistiche e catastali. Se lo stato di fatto e l’urbanistica/catasto non corrispondono dovrete affidarvi a un tecnico per l’aggiornamento e pagare una sanatoria, altrimenti l’immobile non sarà vendibile!

immobili milano

4) GESTIRE VISITE E CHIAMATE
Dovete scremare molti contatti perché, come immaginerete, alcuni vi faranno perdere tempo. Non basta la frase “no perditempo e curiosi”, chi è realmente interessato firma una proposta mentre tutti gli altri “tastano” il terreno. Solo un esperto sa fare una qualifica del cliente con domande a doc, preparatevi perciò alle visite a vuoto. Inoltre se nella prima settimana di pubblicazione ricevete almeno 20 chiamate che si trasformano in visite (per immobili su Milano città), il prezzo è corretto e l’annuncio è accattivante, altrimenti siete fuori mercato.

Se invece ne riceveste molte di più cosa significherebbe? Sapreste gestire uno tsunami di contatti? Con che criterio organizzate le visite? Avete abbastanza tempo da dedicare alla vendita?

Se non possedete la risposta ad almeno una di queste domande necessitate di una figura tecnica che vi segua. Un consulente immobiliare non è un costo ma un investimento nel bene più prezioso che possedete, la casa.

Emissioni CO2, vendere in digitale aiuta l’ambiente a ridurle. Il racconto di Marco Sandrone

Non sbagliate perché “non c’è mai una seconda occasione per fare una buona prima impressione” cit. Oscar Wilde

Studio Professionale Arena
Luca Arena
Mobile: 331.4086595
Telefono: 02.49618502
Email: larena.studioprofessionale@gmail.com

Pubblicità