Redazione    Cerca    Login    Tag    Google News

https://www.memweb.it

Ambiente     Animali     Arredamento     Arte e Cultura     Economia     Edilizia e Immobili     Energia     Eventi     Fiere    Formazione     Lavoro     Marketing     Mobilità e Viaggi     Moda     Musica     Ristorazione     Salute e Benessere     Tecnologia

Vacanze 2024: secondo un’indagine il 73% viaggia senza assicurazione

da | 8 Lug 2024 | Mobilità-Viaggi

Secondo l’indagine KRUK Italia dopo la pandemia si assicurano meno i viaggi; i consigli smart dal Broker assicurativo DBDG.

 

Si avvicinano le vacanze estive e con queste un po’ di meritato relax nelle destinazioni preferite di moltissimi italiani che, tuttavia, devono scontrarsi con prezzi molto elevati, continui disservizi e imprevisti. KRUK Italia, l’esperto del debito, ha indagato con un sondaggio e attraverso la consulenza di un broker assicurativo sui comportamenti più frequenti dei viaggiatori italiani e le differenze con il periodo pandemico, per comprendere se le persone assicurano le loro vacanze come in epoca Covid o se l’investimento sulle vacanze è scoperto.

Il budget medio per chi andrà in vacanza in Italia quest’estate è di circa 660€[1]. Ma il Belpaese, secondo il sondaggio di KRUK Italia (scelto dal 53%) è la seconda tra le mete preferite per questa calda stagione, che viene superata dal resto delle destinazioni europee (65%). Poco gettonati invece i viaggi extra Europa, scelti dal 12% del campione.

Dati che fanno capire quanto questa cifra di 660€ possa lievitare per una importante fetta del campione che viaggerà anche extra Italia, e che preoccupano l’esperto del debito, se messi a confronto con un 73% dello stesso campione che non avendo mai usufruito della polizza sui viaggi è disposto a rischiare e a non assicurare il proprio viaggio.

Nel 2021, viaggiare era una delle attività di cui si sentiva maggiormente la mancanza e quei pochi che avevano ripreso a viaggiare avevano iniziato a considerare il viaggio come un vero e proprio investimento, ricorrendo sempre più spesso a polizze assicurative più o meno vantaggiose.

Nel 2024, superata la pandemia, il 39% del campione sostiene invece di non prendere più tante precauzioni per viaggiare e addirittura il 53% non assicura il proprio viaggio se non è obbligatorio (incluse le assicurazioni per affittare dei veicoli). Eppure il 26% dello stesso campione ammette di aver perso dei soldi proprio perché non aveva assicurato il viaggio, mentre il 14% elogia la prudenza di aver scelto in passato di assicurarsi evitando ingenti perdite di denaro. Ma prevenire è meglio che curare: sottoscrivere un’assicurazione, anche se non dovesse essere utilizzata, permette di viaggiare in tranquillità e di salvare gran parte dei propri risparmi in caso di imprevisti.

Viaggiare è un investimento che va protetto secondo l’esperto del debito KRUK che vede un’analogia tra una scarsa attenzione nel proteggere le proprie finanze e la poca prudenza nell’assicurare il proprio viaggio. Per questo ha chiesto a DBDG, azienda leader nel brokeraggio assicurativo cosa conviene proteggere in questa estate 2024 e come scegliere la copertura che può fare al proprio caso.

“La ricerca riflette una caratteristica peculiare del nostro Paese rispetto al rapporto con l’assicurazione. A differenza del mondo anglosassone dove i rischi sono valutati in maniera oggettiva, da noi è la soggettività a guidare le scelte in campo assicurativo” ha commentato Andrea Di Giacomo, CEO di DBDG Insurance Broker, “Con riferimento ai viaggi, il caso del COVID è emblematico in quanto la straordinarietà della situazione ha creato una percezione comune di maggiore rischio che ha influenzato l’andamento delle polizze sui viaggi.” Ma ora, secondo il broker assicurativo, la richiesta sulle coperture del viaggio e addirittura sulla salute sono tornate ai livelli del 2019.

ASSICURAZIONI SUI VIAGGI: LE VALUTAZIONI DA FARE!

Innanzitutto il broker assicurativo suggerisce di riflettere su cosa davvero serve. Si viaggia per molte ragioni e queste sono alla base della scelta dell’assicurazione giusta: ad es. se si organizza il viaggio della vita è utile scegliere una polizza che permetta di riprogrammare il viaggio.

Nelle aziende sta aumentando molto la sensibilità riguardo i viaggi business per i propri dipendenti che si sta tramutando in offerte di polizze di gruppo a base annua più vantaggiose rispetto a polizze singole individuali. Sulla lunga distanza infatti è utile avere una copertura che garantisca il ritorno a casa anche con modalità non inizialmente previste dal viaggio programmato.

Affidarsi a professionisti per gestire le proprie finanze! Quando si pianifica un viaggio importante, è essenziale rivolgersi a professionisti esperti per garantire che ogni aspetto del pacchetto sia coperto dall’assicurazione dell’agenzia o ente che lo vende. Allo stesso tempo, KRUK consiglia di gestire attentamente le proprie finanze durante il viaggio pianificando il budget giornaliero e tenendo traccia delle proprie spese. In questo modo si eviteranno brutte sorprese al ritorno dal proprio viaggio.

Una tendenza del momento è la polizza sulla cancellazione del viaggio, ma occhio ai paletti, spesso questi sono particolarmente vincolati a contingenze di carattere emergenziale e non a semplici cambi di programma degli interessati.

Assicurare il volo è importante quanto assicurare il bagaglio, ormai un mantra per i viaggiatori più esperti, soprattutto per chi viaggia con un’attrezzatura noleggiata per fare sport particolari o per lavorare (es. produzione video).

Se quindi durante la pandemia moltissime famiglie si sono trovate a dover far fronte ad una situazione economica estremamente complicata e si è cercato di ragionare razionalmente in modo da poter prevedere il rischio di perdere del denaro, assicurando i propri viaggi, nel periodo post Covid, in cui l’inflazione grava sulle spalle di molte famiglie, si è guidati dall’emotività e dalle scelte avventate che spesso non ci permettono di gestire il nostro patrimonio nel migliore dei modi. L’esperto del debito quindi sottolinea quanto sia importante fare scelte razionali e proteggere l’investimento sulle vacanze.

[1] Indagine realizzata da Tecnè per Federalberghi 2024