Condivisione

Un nuovo Dpcm d’urgenza potrebbe arrivare nei prossimi giorni, qualora aumentino ancora i contagi, al fine di contrastare la terza ondata Covid.

 

Come già annunciato questa mattina, il Dpcm 6 marzo è entrato oggi in vigore ma, secondo alcune indiscrezioni, sembra che il Governo stia già ragionando su un’eventuale Dpcm d’urgenza, pronto ad essere varato nei prossimi giorni, al fine di inasprire le misure anti contagio, senza dover attendere la scadenza del 6 aprile.

Preoccupano molto, infatti, i ricoveri in terapia intensiva che stanno aumentando ormai di giorno in giorno, oltre all’aumento costante dei contagi in tutta Italia, specialmente in Lombardia e in Emilia Romagna.

In fondo, il ministro Speranza aveva preannunciato che sarebbero state settimane difficili per tutti, a fronte dei continui avvertimenti degli esperti virologi e dell’Istituto Superiore della Sanità.

La terza ondata, insomma, sembra quindi arrivata e si teme che possa essere ancora più incisiva di quella precedente, a causa delle varianti che continuano ad espandersi, soprattutto quella inglese.

È chiaro che il Governo non è assolutamente intenzionato ad intervenire attraverso un Lockdown totale, la soluzione più estrema al problema, ma vuole ragionare su nuovi divieti e restrizioni qualora il sistema delle colorazioni non sia più sufficiente a contrastare la diffusione del Covid-19.

Seguiranno ulteriori aggiornamenti riguardo l’eventuale Dpcm d’urgenza.