Teatri di Milano, a rischio centinaia di lavoratori per il caro bollette

da | 28 Ago 2022 | Economia, Intrattenimento

Sempre più preoccupazione da parte delle aziende sul caro bollette. Anche i teatri di Milano sono a rischio. L’allarme del direttore Matteo Forte.

 

Teatri di Milano: Il caro bollette colpisce tutti i settori, compreso il mondo dello spettacolo, già messo a dura prova negli utlimi anni a causa della pandemia e dalle restrizioni che non hanno permesso una ripartenza adeguata.

Concerti, proiezioni cinematografiche e stagioni teatrali sono ora a rischio per i rincari dei prezzi dell’energia elettrica e del gas.

Matteo Forte, direttore del Lirico «Giorgio Gaber» e del Teatro Nazionale di Milano, come si legge sul Corriere della Sera Milano, ha spiegato che “Si preannuncia una stagione a tinte fosche. Gli aumenti del prezzo del gas e dell’energia elettrica saranno insostenibili per molti teatri e cinema. Sono a rischio centinaia e centinaia di posti di lavoro. È quanto mai necessario che il Governo attuale, e quello che verrà, pensino seriamente a questo settore”.

“Abbiamo preparato una stagione molto ricca e interessante — annuncia Matteo Forte – ma con queste condizioni nessuno sa dire se saremo in grado di portare in scena quello che abbiamo preparato. La pandemia ha già colpito duramente, ora questi ulteriori aumenti rendono praticamente impossibile la sostenibilità economica di teatri e cinema”.

 

Il caro bollette mette a rischio 90mila imprese

Per Confesercenti è chiaramente impossibile gestire aumenti di costi così rilevanti, cui si aggiungono anche quelli delle materie prime alimentari, traslando sui prezzi di vendita gli interi importi.

Il rischio è che il 10% delle imprese esca dal mercato, ovvero circa 90mila imprese per un totale di 250mila posti di lavoro.

Se nel 2020 e 2021 un bar spendeva in media 6.700 € per le bollette di luce e gas, nei prossimi dodici mesi, ipotizzando che gli aumenti attuali restino costanti, lo stesso bar spenderà 14.740 €.

Un aumento del 120 % e un’incidenza sui ricavi aziendali che passa dal 4,9% al 10,7%.

Autore: Marco Marasco