Ambiente     Animali     Arredamento     Arte-Cultura     Economia     Edilizia-Immobili     Energia     Eventi     Fiere     Food     Lavoro     Libri     Marketing     Mobilità-Viaggi     Moda     Musica     Salute-Benessere     Tecnologia

Mostra del poeta Franco Loi all’Università Cattolica

da | 15 Giu 2022 | Scuole-Università

Storia di Milano, mercoledì 15 giugno mostra di volumi e di autografi del poeta: una miniera di testimonianze.

 

Storia di Milano e dell’Italia nel secondo Novecento, custodita dalla Biblioteca d’Ateneo e messa a disposizione di studiosi.

Mercoledì 15 giugno una mostra di volumi e di autografi del poeta.

Inedite sceneggiature per testi teatrali, dattiloscritti con annotazioni autografe, volumi rarissimi e preziosi con dediche di artisti e letterati italiani.

È la miniera di documenti raccolti nell’archivio e nel fondo librario di Franco Loi, donati dal poeta e dalla moglie Silvana all’Università Cattolica e frutto della straordinaria attività di uno dei protagonisti indiscussi del mondo culturale del Novecento.

A poco più di un anno di distanza dal perfezionamento del lascito e a conclusione dei lavori di catalogazione dei volumi e di inventariazione dell’archivio, l’Università Cattolica mercoledì 15 giugno, alle ore 15.00, nell’Aula G.041 (largo Gemelli, 1 – Milano), promuove l’incontro per illustrare “I libri e le carte di Franco Loi. Con mostra di volumi e di autografi del poeta”.

Un patrimonio di primaria importanza, testimonianza delle innumerevoli relazioni umane e intellettuali intrecciate dal poeta con molteplici esponenti del mondo culturale, italiano e internazionale, dagli anni del secondo Dopoguerra fino ai nostri giorni e che l’Ateneo, attraverso la Biblioteca del campus di Milano, mette a disposizione di studiosi per affrontare l’attività letteraria di uno dei maggiori autori del secondo Novecento.

Intervengono Mario Gatti, direttore sede di Milano dell’Università Cattolica, Roberto Cicala, editore e docente in Cattolica, Massimiliano Mandorlo e Paolo Senna, della Biblioteca d’Ateneo. Seguirà un ricordo di Maddalena Loi, figlia del poeta, e la lettura di poesie, a cura dell’attore e poeta Davide Ferrari.

 

Il fondo librario Franco Loi

Il Fondo Loi è uno dei complessi documentali e bibliografici più significativi tra le collezioni custodite dalla Biblioteca d’Ateneo dell’Università Cattolica, che ne cura la conservazione e la valorizzazione.

I libri e le carte del poeta, milanese d’adozione, sono pervenuti in due momenti: dapprima la parte più consistente dei volumi nel 2018; e, successivamente alla scomparsa dell’autore, nel marzo del 2021, è giunta la cospicua mole di manoscritti e dattiloscritti.

E se i libri documentano l’attività del Loi lettore e critico (diversi sono infatti gli esemplari postillati dalla mano del poeta), le carte dell’archivio riservano molte soprese: dal vasto epistolario (che comprende oltre 1.400 corrispondenti) agli scritti teatrali, dai testi critici alle traduzioni, dalle fotografie ad altre forme di documentazione visiva, fino ai cosiddetti cimeli: Loi e la sua famiglia hanno infatti desiderato che la Biblioteca dell’Università Cattolica fosse depositaria non solo delle carte, ma anche degli oggetti appartenuti al poeta – dalla macchina da scrivere Olympia, alle penne e alla macchina fotografica e alla sua scrivania – come anche di tutti i premi ricevuti in vita da Loi, uno su tutti il celebre Ambrogino d’oro.

L’unicità del Fondo Loi non consiste solamente nel suo raro contenuto di libri e carte personali, ma anche nell’essere miniera ricchissima di testimonianze sulla storia culturale della città di Milano e dell’Italia intera, dalla seconda metà del Novecento fino ai nostri giorni.

Le numerose tracce nel fondo di artisti italiani – come quelle di Renato Guttuso, Ernesto Treccani, Eugenio Tomiolo e Ugo Pierri, oppure la Divina Commedia utilizzata e annotata dal poeta milanese – sono lo specchio dell’epoca attraversata da Franco Loi, con le sue domande sul destino dell’uomo che travalicano la poesia stessa.