Probabile stop alle mascherine all’aperto da metà luglio, fine del coprifuoco per tutta Italia, riapertura delle discoteche e Green Pass. Verso un ritorno alla vita normale.

 

Gli italiani sono con il fiato sospeso in attesa della fatidica data che darà il via libera all’uscire senza mascherine (purché non ci sia affollamento). Oggi, intanto, si riunisce il Cts. L’idea è che la data possa essere quella del 28 giugno, quando l’intera Italia sarà in zona bianca (ad oggi manca la Valle d’Aosta), ma ancora non c’è niente di certo. Si parla già di un possibile slittamento fino almeno alla settimana successiva, il 5 luglio. 

 

Stop alle mascherine

Nell’incontro i dodici membri del Comitato Tecnico Scientifico si confronteranno sull’argomento ma presumibilmente dovremo aspettare qualche giorno per la sintesi. L’idea di aspettare il 5 luglio per togliere la mascherina all’aperto potrebbe essere legata al numero di persone vaccinate, tenendo conto delle somministrazioni sia della prima sia della seconda dose.

Non dobbiamo dimenticare, inoltre, che la variante Delta fa ancora paura; le persone che sono state sottoposte soltanto a una dose di vaccino non sono al sicuro dalla variante indiana (chiamata, appunto, anche variante Delta).

Il via libera all’obbligo d’indossare la mascherina all’aperto non sarà totale; dovremo infatti averla sempre con noi e indossarla in caso di assembramento, per esempio in fila dal gelataio o allo stadio, e dovremo mantenere sempre la distanza sociale dalle persone che non fanno parte del nostro nucleo famigliare.

Agricoltura, raddoppiano i costi delle semine. L'allarme della Coldiretti

 

Zona Bianca in tutta Italia, tranne la Valle d’Aosta

È comunque un importante passo avanti che si unisce a quello legato al coprifuoco, che scade oggi in tutta Italia. La notizia, in realtà, ha un impatto solo in Valle D’Aosta, unica regione ancora gialla, perché da oggi anche Toscana, Campania, Basilicata, Calabria, Marche, Sicilia e la provincia di Bolzano entrano in zona bianca. Ricordiamo che nelle zone bianche non sono più previsti orari per il rientro a casa.

 

Riapertura discoteche

A inizio luglio, inoltre, dovrebbero ripartire le discoteche, con l’obbligo del Green Pass. Il certificato sarà utilizzabile in Italia dal 28 giugno e dal 1° luglio per gli spostamenti in Europa. Per ottenerlo è possibile utilizzare le app Immuni o IO oppure stamparlo in farmacia o con il supporto del medico di famiglia.

 

Quarantena di cinque giorni

Mentre l’Italia avanza verso cambiamenti positivi, le mutazioni del virus fanno ancora paura. Per questo, scatta oggi l’ordinanza del Ministro della Salute, Roberto Speranza, in merito alle persone in rientro dal Regno Unito, dove la variante Delta è molto diffusa, che dovranno sottoporsi a una quarantena di cinque giorni.

 

Situazione contagi in Italia

I numeri del bollettino in Italia, però, continuano a essere rassicuranti. Nelle ultime 24 ore i contagi sono 881 e 17 le vittime, 12 ingressi in terapia intensiva (389 in tutto il Paese) e il tasso di positività stabile allo 0,59%.

Legge di Bilancio 2022, approvato il documento programmatico di bilancio

L’Italia sembra quindi rilassarsi e godersi la movida e le attività estive e questo è vero soprattutto per i giovani. Sembra quindi che il Paese si sia già lasciato la pandemia alle spalle ma purtroppo il virus non è stato ancora sconfitto del tutto ed è necessario continuare a essere prudenti.