Stipendio Draghi, la rinuncia agli emolumenti da premier. Le cifre che riscuoteva l’ex presidente Conte

da | 13 Mag 2021 | Governo e Politica

La rinuncia di Draghi allo stipendio da premier è stata pubblicata sul sito internet del Governo. 80mila euro annui che invece riscuoteva l’ex presidente del consiglio Conte.

 

Con una dichiarazione firmata il 5 maggio 2021, il premier Mario Draghi ha certificato di rinunciare al suo stipendio, quindi svolgerà l’incarico da Presidente del Consiglio senza ricevere alcun emolumento.

Il compenso annuale del premier prevederebbe circa 80mila euro annuali, frazionati mensilmente in circa 7mila euro. Cifre delle quali beneficava l’ex premier Giuseppe Conte, da lui ridotto del 20% rispetto al precedente.

Sembra che Mario Draghi abbia voluto dare un’ulteriore impronta al suo servizio per il nostro Paese, un risparmio sicuramente per le casse dello Stato in un momento in cui è giusto che tutti facciano la propria parte.

Il documento che certifica la rinuncia allo stipendio di Mario Draghi è stato pubblicato sul sito internet del Governo proprio nei giorni scorsi.

 

Stipendio Draghi

Le critiche anche in questo caso non mancano, infatti c’è chi pensa che la scelta del premier sia dovuta ad una strategia pubblicitaria, visto che la sua dichiarazione dei redditi del 2020 riporta ben 581.665 euro di introiti, tasse escluse.

Un reddito davvero non indifferente, ma ben lontano da quanto dichiarava il suo predecessore, Giuseppe Conte, il quale prima di stabilizzarsi a Palazzo Chigi per svolgere la funzione di premier, dichiarava redditi per oltre 1,2 milioni di euro. 


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: