Advertisement

Da lunedì 12 aprile diverse Regioni italiane passeranno in Zona Arancione, tra cui la Lombardia. Ecco le regole sugli spostamenti, in questa fascia di colore, per genitori separati e per far visita a parenti ed amici.

 

Spostamenti in Zona Arancione

In Zona Arancione è consentito spostarsi all’interno del proprio Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00, gli spostamenti verso altri Comuni, Regioni o Province autonome sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione e nelle “seconde case” ubicate dentro e fuori la propria Regione resta sempre consentito.

Advertisement

In Zona Arancione resta in vigore anche il cosiddettocoprifuoco” dalle ore 22.00 alle 5.00, consentendo gli spostamenti esclusivamente motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

 

Visite a parenti ed amici in Zona Arancione

Le visite a parenti ed amici restano consentiti una sola volta al giorno, verso un’altra abitazione privata abitata dello stesso Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00, ad un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione.

La persona che si sposta può portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

Per chi vive in un Comune avente fino a 5.000 abitanti è comunque consentito spostarsi, tra le 5.00 e le 22.00, entro i 30 km dal confine del proprio Comune, quindi eventualmente anche in un’altra Regione o Provincia autonoma, anche per le visite ad amici o parenti, con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia.

Dpcm, il Governo risolve i dubbi giuridici su "residenza, domicilio e abitazione"

Spostamenti per genitori separati

Gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore oppure per condurli presso casa propria sono sempre consentiti anche tra Regioni e tra aree differenti.

Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario, nonché secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio o, in assenza di tali provvedimenti, secondo quanto concordato tra i genitori.

Advertisement