Sonno bambini da 6 mesi a 5 anni, un utile esempio di routine

da | 13 Lug 2022 | Salute-Benessere

La Dott.ssa Daniela Massarani, psicologa specializzata nell’affiancare i genitori nella ricerca di soluzioni pratiche per le problematiche educative e della crescita, ha fornito degli utili esempi di routine dedicati alle ore di sonno dei bambini.

 

Non so se capita anche a te ma l’arrivo dei bambini per me è stato come se qualcuno sparasse il colpo di pistola che segnala la partenza delle gare di velocità…il cronometro è partito e sembra procedere ad una velocità pazzesca.

I due cuccioli che osservavo con occhi attenti e tanta stanchezza, sono ora due ragazzini alla soglia della preadolescenza con cui è davvero piacevole chiacchierare e fare esperienze insieme.

Ti sarai accorto anche tu che le esigenze e i bisogni dei bambini cambiano altrettanto rapidamente. E tra queste sicuramente anche il fabbisogno e l’organizzazione del sonno.

Ora che sono “grandi” i miei ragazzi dormono ancora tanto e bene e tendiamo sempre ad andare a letto alla stessa ora per garantire sempre un numero adeguato di ore di sonno.

Seguire un buon ritmo è ancora più importante quando i bambini sono piccoli e la fatica di mamma e papà è grandissima dal punto di vista fisico.

Allora vediamo nello specifico alcuni aspetti importanti da tenere a mente e i passaggi che avvengono mentre il nostro neonatino passa rapidamente da tre sonnellini al giorno a diventare un bambino che dorme una sola volta durante il giorno e infine a soddisfare il suo bisogno di sonno prevalentemente nelle ore notturne.

So che non è facile mantenere un buon ritmo e delle routine organizzato quando tutto sembra cambiare così rapidamente.

E ricordo sempre che le routine sono solo uno dei modi per favorire il sonno dei bambini e aiutare le famiglie a creare un ritmo che favorisca la serenità di tutti.

 

Sonno bambini da 6 mesi a 5 anni

Ho messo insieme un utile elenco di esempi di routine suddivisi per gruppi di età.

Nelle routine troverete le ore raccomandate di sonno per gruppo di età divise tra sonnellini diurni e sonno notturno, con un’indicazione media delle ore di sonno necessarie.

Ricordatevi sempre che ogni bambino è un caso a sé e dunque il fabbisogno totale di ore può variare più o meno dello spazio di un’ora, ma non di più!

Cosa significa? Che spesso quando incontro le famiglie per una consulenza sul sonno,

I genitori sono convinti che il loro bambino abbia bisogno di molte ore in meno di sonno rispetto agli altri. Nella mia esperienza questo non è mai il caso.

Un bambino semplicemente sembra non avere mai sonno perché ha raggiunto un livello tale di stanchezza che il suo corpo produce molta adrenalina per tenerlo sveglio e di fatto questo instaura un circolo vizioso in cui il bambino dorme sempre poco e male.

Dott.ssa Daniela Massarani

Tag:

Pubblica la tua notizia!

Pubblica autonomamente il tuo articolo o comunicato stampa.