SMS Marketing, le regole per campagne di successo secondo Transactionale

da | 18 Mar 2022 | Marketing-Web

Transactionale ha realizzato una guida sull’SMS Marketing per aiutare i merchant a usare questo strumento con strategia. Nella guida, statistiche e benefici dell’SMS Marketing per le aziende, consigli pratici per campagne ben costruite e casi studio reali.

 

L’avvento dei social e delle app di messaggistica negli ultimi tempi può aver oscurato l’SMS. Eppure, gli SMS sono tutt’altro che morti. Nelle comunicazioni tra brand e consumatori è anzi uno strumento ampiamente utilizzato e tra i più efficaci canali di Marketing per aperture, click e conversioni. A patto che lo si usi nella maniera giusta.

Transactionale, la soluzione di Digital Advertising e SMS Marketing creata da Flyer Tech, ha realizzato una guida all’SMS Marketing per aiutare i merchant a sfruttare appieno questo strumento, sulla base della sua expertise.

Perché l’SMS Marketing per comunicare con gli utenti?

Nonostante la diffusione delle app di messaggistica online, gli SMS continuano a essere ancora molto utilizzati. Nel mondo, sono 5 miliardi[1] le persone che inviano e ricevono SMS, circa il 65% della popolazione mondiale.

Non solo. Gli SMS sono anche aperti e letti molto più di altre comunicazioni: il 98% dei messaggi inviati viene letto[2], il che rende l’SMS il canale con il più alto Open rate. Il 90%, in particolare, viene aperto entro 3 minuti dalla ricezione[3].

Cosa spiega questi dati? L’SMS è un canale istantaneo e immediato, che non necessita di connessione a Internet. Anche per questo, rappresenta uno degli strumenti più utili per entrare in contatto regolarmente con i propri clienti. Questo è vero soprattutto ai giorni nostri, in cui la diffusione del Commercio Conversazionale sta portando i business a usare diversi canali per instaurare una conversazione con i clienti: non solo online, ma anche offline, come appunto i messaggi SMS.

D’altra parte, si tratta di un canale apprezzato dai consumatori. Il 47% dei consumatori considera l’SMS il canale di comunicazione preferito con i brand[4]. Questo si riflette anche sulle vendite: i coupon inviati via SMS vengono infatti riscattati 10 volte di più[5].

Per avere un’idea dei risultati, si pensi che una campagna SMS può generare oltre 500 ordini e 27.000 euro di fatturato in appena 5 giorni, come dimostra uno dei vari casi studio che si trovano nella guida – il caso riguarda la campagna di una farmacia online cliente Transactionale, realizzata con l’obiettivo di incentivare il secondo acquisto.

“L’efficacia di questo strumento è ampiamente dimostrata, sia per campagne online che per campagne volte ad accrescere il traffico in store, ed è la prova di come oggi, ai tempi dell’omnicanalità, per un’azienda sia importante utilizzare e integrare tutti i canali a disposizione, sia online che offline, per entrare in contatto con gli utenti”. Così commenta Marianna Chillau, CEO e Co-founder delle soluzioni Transactionale e Marlene, nonché Presidente e fondatrice di 4eCom, Associazione di soluzioni digitali per e-commerce.

“Naturalmente vale anche per l’SMS Marketing, come per qualsiasi canale, la regola che, per poter vedere benefici reali, occorre utilizzare lo strumento in maniera strategica. La tecnologia può poco senza la strategia. È anche per questo che, sulla base della nostra esperienza con gli e-commerce e le aziende del network Transactionale, abbiamo creato questa guida: per aiutare i merchant a sfruttare al meglio questo strumento, evitando gli errori più frequenti e mettendo in pratica alcune semplici regole che ne assicurino il successo”.

Best practice ed errori da evitare per campagne SMS di successo secondo Transactionale

Tra gli errori più comuni, c’è sicuramente quello di inviare SMS all’orario sbagliato. Ma anche quello di essere troppo insistenti: per quanto apprezzato, questo rimane comunque un canale molto “privato” a cui è bene rivolgersi con una frequenza non eccessiva e nelle occasioni giuste.

Un altro errore è poi di inviare messaggi senza personalizzare il nome del mittente. “Ricevere un messaggio senza sapere chi lo ha inviato, specie se si tratta di un messaggio promozionale, può risultare molesto oltre che inefficace”, aggiunge Marianna Chillau. Per questo è sempre bene rendersi riconoscibili inviando SMS con il sender personalizzato con il nome dello shop, una delle funzioni che piattaforme come Transactionale consentono.

“Questo, però, è solo il minimo indispensabile per usare efficacemente l’SMS Marketing. Evitati questi errori, c’è poi da costruire la campagna vera e propria. Ci sono alcune regole che vale la pena conoscere riguardo tre aspetti: promozione, contenuto (quindi il copy) e tempistiche”.

Qui il link per scaricare la guida completa di Transactionale con le 3 regole da seguire, casi studio ed esempi di campagne SMS di successo:

[1] https://www.slicktext.com/blog/2018/11/44-mind-blowing-sms-marketing-and-texting-statistics/

[2] https://www.slicktext.com/blog/2018/11/44-mind-blowing-sms-marketing-and-texting-statistics/

[3] https://www.tatango.com/blog/90-of-text-messages-are-read-within-3-minutes/

[4] https://www.twilio.com/press/releases/twilio-study-finds-that-9-out-of-10-consumers-globally-want-to-message-with-brands

[5] https://blog.mailup.com/2020/05/integrate-sms-email/

Autore: Redazione