Sicurezza Alimentare, entro il 31 gennaio è necessario inviare l’autodichiarazione

da | 29 Gen 2022 | Ristorazione

APA Confartigianato Imprese informa sulla modifica delle norme per il finanziamento dei controlli ufficiali eseguiti dalle autorità competenti (D.lgs 32/2021). Le aziende interessate devono inviare l’autodichiarazione entro il 31 gennaio 2022 .

 

Il Decreto legislativo 32/2021 in vigore dal 01 gennaio 2022 ha modificato le norme per il finanziamento dei controlli ufficiali per la sicurezza alimentare e stabilisce nuove fasce delle tariffe forfettarie annue.

Gli operatori che, in data 1° luglio 2021, hanno iniziato una o più attività di produzione alimentari tra quelle elencate nell’allegato 2, sezione 6, tabella A del D.Lgs 32/2021 e che commercializzano all’ingrosso verso altri operatori o altri stabilimenti una quantità superiore al 50% della propria merce, in base alle nuove disposizioni sono obbligati a corrispondere le relative tariffe forfettarie annue differenziate in tre fasce a seconda del grado di rischio ( basso € 200, medio € 400, alto € 800).

Sono escluse dall’obbligo le aziende che vendono e somministrano al consumatore finale in stabilimenti annessi e funzionalmente connessi.

Tutti gli operatori che effettuano le attività definite nel suddetto allegato, indipendentemente dal fatto che commercializzano all’ingrosso più o meno del 50% della propria merce, entro il 31 gennaio 2022 debbono comunque trasmettere all’Asl territorialmente competente l’autodichiarazione compilata con le informazioni riferito all’anno solare precedente.

Sulla base delle informazioni acquisite con l’autodichiarazione, l’ASL applicherà la tariffa forfettaria annua relativa alla fascia di appartenenza riferita all’anno in corso, maggiorata delle 0,5 % ed emetterà la richiesta di pagamento entro il 31 marzo.

In caso di omessa trasmissione della prima autodichiarazione o dei successivi aggiornamenti, ove dovuti, l’ASL applicherà d’ufficio per ogni anno di riferimento in cui non è stata pagata, la tariffa forfettaria annua dovuta in base al livello di rischio già attribuito nei precedenti controlli ufficiali.

È pertanto necessario che le aziende interessate inviino l’autodichiarazione entro il 31 gennaio 2022 al fine di confermare se la propria attività rientra tra quelle obbligate o per comunicare di non essere soggette al pagamento della tariffa.

A questo link è possibile scaricare il decreto ed il modello di autodichiarazione.

Autore: Redazione