Scontrino elettronico, a luglio scatta l’obbligo. Bonus registratori di cassa

22 Apr 2020 | Imprese

Pubblicità

In estate subentrerà il vincolo dell’invio automatico all’Agenzia delle Entrate delle operazioni giornaliere effettuate da tutti gli esercenti commerciali. Previsto un bonus al 50% per l’acquisto dei nuovi registratori di cassa

 

Forse, presi da altre emergenze, lo abbiamo trascurato, invece è importante ricordarselo: dallo scorso 1 gennaio è in vigore lo scontrino elettronico, e nel prossimo mese di luglio scadrà la moratoria prevista dal Governo per concedere a tutti di adeguarsi al rispetto della nuova misura, pensata dallo Stato per dare la stretta definitiva all’evasione fiscale dei contribuenti a partita Iva.

Ma di che cosa si tratta?

Secondo il memorandum recentemente diffuso dall’Agenzia delle Entrate, lo scontrino elettronico è l’obbligo, per i titolari di partita Iva che esercitano attività di commercio al minuto, di memorizzare e trasmettere i corrispettivi totalizzati direttamente alla suddetta Agenzia.

Pubblicità

Il tutto nella forma di un documento digitale che deve riportare in calce i seguenti dati:

  • Data e ora di emissione
  • Numero progressivo
  • Ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome dell’emittente
  • Numero di partita Iva dell’emittente
  • Ubicazione dell’esercizio
  • Descrizione dei beni ceduti e dei servizi resi
  • Ammontare del corrispettivo complessivo e di quello pagato

La procedura, che è alternativa alla fatturazione elettronica, necessita della dotazione di speciali registratori telematici, in linea con i parametri stabiliti dal Fisco.

Laserwall, primo aumento di capitale da 1 milione di euro

Altrimenti, l’esercente può avvalersi dei servizi gratuiti messi a disposizione dal sito dell’Agenzia delle Entrate; oppure, ancora, munirsi dei gestionali dedicati sviluppati dalle varie software house, purché a termini di legge.

D’altra parte, l’operazione rappresenta un costo.

Per questo motivo, lo Stato ha previsto, per tutti i soggetti che rientrano nell’obbligo, uno speciale credito di imposta, consistente in un bonus del 50% per la spesa destinata all’acquisto delle infrastrutture, con un limite di 250 euro per i registratori di cassa nuovi e di 50 euro per l’adattamento tecnologico di quelli vecchi.

Pubblicità

Pubblica la tua notizia su MilanoBIZ!