fbpx
Pubblicità

Distanziamento tra i tavoli, consultazione dei menu e utilizzo della mascherina tra le regole per la riapertura dei ristoranti al chiuso. Le raccomandazioni del Cts per i gestori.

 

A partire dal 1° giugno, in occasione della riapertura dei ristoranti anche al chiuso, il Cts (Comitato Tecnico Scientifico) ha emanato delle nuove regole per i gestori dei locali oltre alle indicazioni sull’uso della mascherina per il personale e clienti.

 

Pubblicità

Utilizzo della mascherina

Sono diverse le polemiche scatenate a seguito della proposta di indossarla sempre, anche quando seduti al tavolo, tranne, ovviamente, durante la consumazione del pasto, ma sembrerebbe che l’idea non sarebbe passata.

Quindi, la mascherina andrebbe utilizzata e indossata solo quando non si è seduti al tavolo, ma solo una volta alzati per qualsiasi motivazione e necessità.

 

Distanziamento tavoli

Resta invece la misura anti Covid che impone la distanza tra i tavoli, senza alcuna indicazione sul numero massimo di persone consentite nello stesso tavolo, oltre alla regola di fare in modo che non si creino assembramenti fuori dai locali, affinché sia mantenuto il distanziamento sociale tra le persone, anche dello stesso gruppo.

I tavoli devono essere disposti in modo da assicurare sempre il distanziamento di almeno 1 metro tra la clientela, sia negli ambienti al chiuso che all’aperto.

 

AstraZeneca sospesa sotto 60 anni di età. Chiudono diversi Open Day per timore delle conseguenze

Consultazione del menu

Le regole per l’utilizzo dei menu restano sempre le stesse, ossia attraverso l’utilizzo di un Qr Code, attraverso altri strumenti digitali oppure, in alternativa, anche cartacei ma totalmente plastificati, affinché sia possibile disinfettarli dopo l’utilizzo.

 

Prenotazione ed igienizzazione

Il Cts raccomanda sempre di rendere disponibili e obbligatori i prodotti per l’igienizzazione delle mani per la clientela e per il personale, anche in più punti del locale, come all’ingresso, all’uscita e vicino alle toilette.

Un’altra raccomandazione si rivolge all’accesso al ristorante esclusivamente con prenotazione, con la conservazione dell’elenco dei clienti per almeno 14 giorni, privilegiando sempre e comunque l’utilizzo degli spazi all’esterno.

Anche la definizione del numero massimo delle persone all’interno dei locali, in relazione agli spazi disponibili, ai ricambi d’aria e ai casi di assembramento che possono verificarsi nel percorso di entrata, di uscita e di presenza all’interno del ristorante, resta fortemente raccomandato.

Pubblicità