L’emergenza Coronavirus mette a dura prova anche Internet, ormai sempre più a rischio di blackout

 

In questi giorni si parla spesso degli effetti negativi che il Coronavirus sta portando anche alla rete Internet. 

Durante queste settimane di quarantena la rete internet sta riscontrando diversi problemi, tra cui dei rallentamenti di navigazione sempre più frequenti dovuti all’aumento del flusso di utenti connessi (circa il 30% in più) con picchi che superano persino il 40%, provocando quindi diverse difficoltà ai server dei vari provider Internet.

 

E quindi, Internet rischia davvero il collasso?

Gli esperti rendono noto che Internet, anche se ancora non molto vicino come temiamo, potrebbe subire un blackout totale a causa di un elevato stress delle connessioni a Internet, mai così elevato prima d’ora.

L’allarme è stato annunciato dall’Unione Europea, la stessa che ha già iniziato a muoversi per preservare la rete Internet.

LEGGI ANCHE >>  Dall’Europa 50 milioni di euro per le mascherine facciali

Per evitare un possibile blackout di Internet, la Commissione Europea e l’organismo che riunisce i regolatori delle tlc dei 27 Paesei (Berec), con il sostegno delle autorità nazionali di regolamentazione, stanno istituendo un meccanismo di monitoraggio del traffico Internet in ogni stato europeo.

 

La richiesta a Netflix

Il Commissario europeo Thierry Breton ha proposto la sua strategia al ceo di Netflix Reed Hastingsper per evitare un blackout delle reti Internet, fortemente sovraccaricate in questo periodo di isolamento per milioni di europei; trasmettere i video in definizione standard quando l’HD non è necessaria.

Il commissario commenta così: “Piattaforme di streaming, operatori delle tlc e utenti, abbiamo tutti la responsabilità di adottare misure per garantire il regolare funzionamento di Internet durante la battaglia contro la diffusione del virus”.

 

L’importanza della fibra e 5G

L’emergenza sanitaria in corso, dovuta al Covid-19, probabilmente insegna a tutti l’importanza nel continuare gli investimenti sulle reti per raggiungere gli obiettivi della Gigabit Society della Commissione per il 2025, in particolare sulle reti 5G e fibra.

LEGGI ANCHE >>  Google e i rapporti sugli spostamenti. I dati e come disabilitare il servizio che traccia

 

Condividi questo articolo!
WhatsApp Me!