Advertisement

Da domani 12 aprile rientreranno a scuola oltre 6 milioni di studenti per tornare a seguire le lezioni in presenza, quasi 1 milione in più della settimana scorsa, di cui 400 mila solo in Lombardia.

Dunque, complessivamente vi saranno più di 6,5 milioni (77,1%) di alunni in presenza e poco meno di 2 milioni (22,9%) in didattica a distanza, con la consueta alternanza del 50% per gli studenti delle superiori nelle Regioni in cui è consentito per 1,1 milione.

 

Advertisement

La riapertura delle scuole rappresenta un rischio?

Sono diversi i dibattiti su questo tema. Come si legge su La Tecnica della Scuola, secondo Andrea Crisanti, microbiologo dell’università di Padova, “tenere aperte o chiuse le scuole si basa su nessun razionale e nessun dato certo. Le scuole non sono tutte uguali, scuole che differiscono per anni di costruzione, per numero di studenti, per pendolarismo. Ognuno di questi fattori ha un rischio associato. Se non si capisce l’impatto, non si può dire riapriamo tutte le scuole perché tutte le scuole sono uguali. Il virus precedente non attaccava gli studenti, adesso ci troviamo di fronte a un virus molto più aggressivo per i giovani”

Sara Gandini, epidemiologa biostatica dello IEO di Milano, invece commenta la riapertura così: “Siamo un gruppo di scienziati (medici, biologi, statistici), abbiamo analizzato una serie di dati confrontati con la Protezione Civile, la percentuale del contagio nelle scuole è stata sotto l’1%. I giovani si contagiavano la metà rispetto agli adulti. Con la variante inglese non è cambiata la situazione. Il rischio nelle scuole è sempre inferiore a quello della popolazione generale.”

 

Zona Arancione in quasi tutta Italia

Contestualmente, da lunedì 12 aprile, sono sei le Regioni che cambiano colore passando in Zona Arancione: Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Calabria.

Campania, Valle d’Aosta e Puglia restano in rosso mentre la Sardegna retrocede in Zona Rossa nonostante fosse da poco più di un mese addirittura in Zona Bianca.

Advertisement