Il Pirellone ha predisposto un piano di finanziamento per opere pubbliche urbanistiche con cantieri in partenza entro il prossimo 31 ottobre

 

A stretto giro con il decreto Economia lanciato dal Governo, anche la Lombardia ha annunciato un piano locale di sostegno economico alle imprese e alle famiglie del territorio.

È operativo dallo scorso 4 maggio, infatti, il finanziamento pubblico regionale da 3 miliardi di euro che, fino al 2022 compreso, distribuirà fondi e risorse ai Comuni e alle Province per l’esecuzione e la messa in opera di lavori edilizi, urbanistici, di sviluppo territoriale e di efficientamento energetico delle città lombarde.

“Per la ripresa economica della Lombardia e il rilancio del sistema produttivo era necessario un intervento extra-ordinario che potesse supportare immediatamente il mondo dell’economia. Quindi, abbiamo finanziato i nostri Comuni e Province per dare avvio a numerose opere pubbliche. Oltre 1.500 cantieri in più, che cambieranno volto alla nostra Regione. E daranno lavoro a imprese e famiglie” ha dichiarato il presidente della Regione Attilio Fontana.

Per poter usufruire del denaro elargito dal Pirellone, però, sindaci e presidenti di provincia dovranno autorizzare l’inizio dei rispettivi progetti entro il prossimo 31 ottobre.

Entro questa data, infatti, la Regione si riserva di verificare l’avvenuta partenza dei lavori, ed effettuerà l’erogazione dei contributi secondo la seguente ripartizione:

  • 20% % previa verifica dell’avvenuto inizio dell’esecuzione dei lavori e qualora il Comune attesti che il collaudo dell’opera avviene entro novembre 2020
  • per il 50% entro il mese di febbraio 2021
  • per il residuo 30% previa trasmissione del certificato di collaudo
LEGGI ANCHE:  Lotteria degli scontrini, a gennaio parte il concorso

Nel caso eccezionale in cui i lavori risultino conclusi e collaudati entro il 30 novembre 2020, invece, l’erogazione della somma sarà totale.

Condividi questo articolo!