Piano Scuola 2021/2022, le novità sulla riapertura. Mascherine e vaccinazione

29 Lug 2021 | Coronavirus

Piano Scuola 2021/2022: la sfida è assicurare la didattica in presenza prestando attenzione agli assembramenti. Mascherine in classe e vaccinazione consigliata, ma non obbligatoria.

 

Tra i temi fondamentali del Governo, sul quale bisogna lavorare in questo periodo, c’è la riapertura in sicurezza delle scuole a settembre. A tal riguardo, il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, è al lavoro insieme alla cabina di regia per presentare, nei prossimi giorni, il piano scuola 2021 per il rientro in classe degli studenti, seguendo probabilmente le linee guida indicate dal Comitato Tecnico Scientifico.

Il piano scuola tocca diversi aspetti, ormai molto comuni a cittadini e studenti, dall’utilizzo delle mascherine in classe all’importanza sul distanziamento, ponendo molta attenzione ai trasporti, prevedendo con mota probabilità il ricorso allo scaglionamento degli orari di ingresso nelle aule.

Il testo elaborato del Ministero dell’Istruzione è pronto ma è stato deciso che sarà proposto alle Regioni la prossima settimana.

 

Bozza del Piano Scuola 2021/2022

“Per l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022 la sfida è assicurare a tutti, anche per quanto rilevato dal Comitato Tecnico Scientifico (CTS), lo svolgimento in presenza delle attività scolastiche, il recupero dei ritardi e il rafforzamento degli apprendimenti, la riconquista della dimensione relazionale e sociale dei nostri giovani, insieme a quella che si auspica essere la ripresa civile ed economica del Paese”. Lo si legge nella premessa della bozza del Piano Scuola 2021/2022 messo a punto dal Ministero dell’Istruzione in vista della ripresa dell’attività scolastica.

Test salivari nelle scuole e gestione delle quarantene di classe

 

Mascherine in classe

Laddove non sia possibile mantenere il distanziamento fisico, per il CTS resta fondamentale l’uso della mascherina, preferibilmente di tipo chirurgico, per tutti gli studenti sopra i 6 anni di età.

Spazio pubblicitario dedicato

Le mascherine in classe si dovranno indossare quando non sarà possibile il distanziamento di almeno 1 metro da seduti, anche quelle trasparenti qualora sia necessario favorire una comunicazione più agevole.

 

Vaccinazione

Secondo gli esperti, per garantire il ritorno alla piena vita scolastica sarà essenziale che il personale docente e non docente, su tutto il territorio nazionale, assicuri piena partecipazione alla campagna di vaccinazione, contribuendo al raggiungimento di un’elevata copertura vaccinale e alla ripresa in sicurezza delle attività e delle relazioni proprie del fare scuola.

Al momento non vi è alcuna obbligatorietà nell’effettuare il vaccino agli studenti, anche se, per il Gen. Figliuolo, arrivare alla ripresa dell’anno scolastico con almeno il 60% degli studenti tra i 12 e i 19 anni vaccinati è raggiungibile entro la prima decade di settembre.

 

Igiene e cura dei locali

Il CTS conferma la necessità di continuare ad assicurare il rispetto delle ordinarie misure di areazione dei locali e della pulizia quotidiana di tutti gli ambienti in modo accurato e continuativo. Dovrà proseguire anche la pratica dell’igiene delle mani e la messa a disposizione di erogatori di prodotti disinfettanti.

Terza dose di vaccino già da settembre e Green Pass nei luoghi di lavoro

In ogni scuola, inoltre, sarà necessario verificare, ed eventualmente modificare e migliorare, l’organizzazione degli spazi esterni e interni per evitare raggruppamenti o assembramenti, al fine di garantire ingressi, uscite e distanziamenti adeguati in ogni fase della giornata scolastica, sia per gli alunni che per le famiglie ed il personale scolastico.