fbpx
Pubblicità

Cambiamo le regole sul numero massimo di persone al tavolo nei ristoranti delle Regioni in Zona Bianca, sia all’aperto che al chiuso.

 

Come avevamo annunciato questa mattina, il limite delle quattro persone per tavolo al ristorante è stato oggetto di valutazione durante la riunione tecnica di oggi, al fine di ottenere una decisione definitiva in merito alle regole per i commensali.

Dunque, la questione sul numero delle persone al tavolo del ristorante è stata archiviata con un’ordinanza ministeriale che non prevedrà alcuna limitazione all’aperto sul numero dei commensali nello stesso tavolo, mentre un massimo di 6 persone se si pranza o cena al chiuso.

Pubblicità

Ma attenzione, tali regole sono attribuite esclusivamente alle Regioni appartenenti alle Zone Bianche, mentre in quelle colorate di giallo, vigeranno le regole attuali.

 

Quante persone al tavolo in Zona Bianca?

Il compromesso ottenuto al Governo consente, quindi, la limitazione di 6 persone sedute allo stesso tavolo del ristorante se si consuma al chiuso, mentre all’aperto vengono abolite tutte le restrizioni sui numeri utilizzando i dehors, i giardini e le terrazze.

Il Governo, però, precisa che potranno stare a tavola, entro il limite di 8 persone, gli appartenenti fino a due nuclei familiari al massimo.

 

Quante persone al tavolo in Zona Gialla?

Nessun cambiamento sui posti a sedere nello stesso tavolo per i ristoranti appartenenti alle Zone Gialle, i quali dovranno continuare a rispettare il limite massimo di 4 persone a tavola, indipendentemente se al chiuso o all’aperto, come da ultima decorrenza risalente al 1° giugno 2021.

Stato di emergenza, verso la proroga di Draghi fino al 31 dicembre. Cosa cambierebbe nel concreto

Riapertura Centri Benessere, Terme e Spa in Zona Bianca, da Luglio anche in Zona Gialla.

Prosegue il calendario delle riaperture delle attività commerciali, il quale è riuscito correttamente a dare seguito al ciclo delle riaperture graduali grazie alla corretta campagna vaccinale e all’indice dei contagi crollato nelle ultime settimane.

Dopo i ristoranti, le palestre e le piscine, oggi è toccato anche ai centri benessere e SPA, con alcune limitazioni. LEGGI TUTTO

Pubblicità