fbpx
Pubblicità

In arrivo la prima scadenza dell’anno relativa al pagamento del bollo sulle fatture elettroniche. Modalità e possibilità di differire il pagamento.

 

Si avvicina la data termine per versare l’imposta del bollo sulle fatture elettroniche del primo trimestre dell’anno: 31 maggio 2021.

Il bollo sulle fatture elettroniche emesse si deve infatti pagare trimestralmente, ma se per il primo trimestre l’importo dell’imposta di bollo da versare (entro il 31 maggio) è inferiore a 250 euro, tale versamento può essere fatto nei termini del secondo trimestre, quindi entro il 30 settembre.

Pubblicità

Allo stesso modo, se l’importo dell’imposta di bollo da versare nel primo e nel secondo trimestre è inferiore complessivamente a 250 euro, il versamento può essere effettuato nei termini previsti per il versamento dell’imposta di bollo del terzo trimestre, quindi entro il 30 novembre.

Booking evade l’IVA in Italia per oltre 153 milioni di euro secondo l’inchiesta della Guardia di Finanza

Contributi a fondo perduto per Partite IVA nel Decreto Sostegni bis. Chi li riceverà in automatico e chi dovrà fare domanda

Tra le novità del Decreto Sostegni bis vi è la presa in considerazione delle perdite di fatturato subite nell’anno 2021, a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid, ampliando così la platea dei potenziali beneficiari a 100mila Partite IVA in più.

A tal riguardo, il supporto economico previsto nel Decreto Sostegni bis stanzia 18 miliardi di euro per far fronte agli aiuti, attraverso dei contributi a fondo perduto, seguendo 3 vie di erogazione. LEGGI TUTTO

Controlli sul Bancomat, scattano gli accertamenti da parte del Fisco secondo alcuni parametri

Blocco dei licenziamenti, il 30 giugno termina la proroga. Studio Rossi informa sul contratto di rioccupazione

È scattato il conto alla rovescia per lo stop al blocco dei licenziamenti, introdotto il 17 marzo 2020 attraverso il Decreto “Cura Italia”, il quale disponeva il blocco dei licenziamenti collettivi e individuali per giustificato motivo oggettivo, impendendone la procedura obbligatoria di conciliazione in caso di programmato licenziamento.

La data dello stop al blocco dei licenziamenti è programmata per il 30 giungo 2021, data che segna il termine della proroga emessa nell’ultimo decreto dedicato ai ristori per le aziende e dipendenti, nonostante la richiesta di un nuovo slittamento da parte dei sindacati. LEGGI TUTTO

Pubblicità