Condivisione

Nuovo Dpcm dicembre, probabile blocco totale degli spostamenti anche fra le zone gialle, quarantena per chi rientra dall’estero e ristoranti chiusi anche a Natale

 

Nel nuovo decreto Natale, previsto con decorrenza 4 dicembre, saranno probabilmente vietati gli spostamenti tra le regioni mantenendo il coprifuoco alle 22.

Per coloro che si recheranno all’estero, in particolare per sciare a causa della chiusura degli impianti sciistici in Italia, al rientro dovranno restare in quarantena.

Probabilmente l’apertura dei negozi sarà prorogata fino alle 21 e la riapertura dei centri commerciali e dei grandi magazzini nel fine settimana, al fine di favorire lo shopping.

Chi vorrà trascorrere le festività in Hotel potrà farlo ma se la struttura in cui si trova appartiene alla stessa regione di residenza, anche nelle località dove gli impianti sciistici sono chiusi.

Riassumendo, ecco alcune delle misure che potrebbero essere previste ed inserite nel nuovo Dpcm dicembre:

Consentito con raccomandazioni

  • Shopping: Negozi aperti fino alle 21, grandi magazzini e centri commerciali aperti anche nel fine settimana.
  • Pranzo e cena di Natale: È raccomandato festeggiare solo con parenti stretti per un massimo di 6/8 persone.
  • Funzioni religiose: Le messe potranno essere celebrate il 24 e 25 dicembre durante tutta la giornata fino alle 21 o 22.
  • Hotel: Permesso di recarsi negli Hotel aperti solo nella regione di residenza.
  • Secondo case: Permesso di recarsi nelle seconde case solo se si trovano nella stessa regione oppure in zona gialla.
  • Ristoranti: Aperti solo a pranzo nelle zone gialle e chiusi il 25 e 26 dicembre.
  • Viaggi: Per coloro che rientrano in Italia dall’estero sarà obbligata la quarantena di 14 giorni.

Vietato

  • Spostamenti: Dalla settimana di Natale sono vietati gli spostamenti tra tutte le regioni, anche in fascia gialla. Consentito però il rientro alla propria residenza o domicilio.
  • Feste: Divieto assoluto di organizzare e partecipare a feste in locali pubblici e privati. I sindaci potranno chiudere a loro discrezione vie e piazze.
  • Piste da sci: Restano chiusi gli impianti sciistici e le piste da sci per evitare che vengano creati assembramenti nelle funivie.
  • Cinema e teatri: Restano chiusi per tutte le festività natalizie e la riapertura sarà prevista solo se la curva dei contagi si appiattirà.
NUOVO DPCM 16 gennaio approvato! Scuole, bar, palestre e Regioni in zona rossa
Italia contro Pfizer-Biontech per il vaccino anti Coronavirus