Ambiente     Animali     Arredamento     Arte-Cultura     Economia     Edilizia-Immobili     Energia     Eventi     Fiere     Food     Lavoro     Libri     Marketing     Mobilità-Viaggi     Moda     Musica     Salute-Benessere     Tecnologia

Nuovo accordo Italia – Emirati Arabi a favore delle imprese

da | 16 Mag 2024 | Economia

Siglato un protocollo d’intesa tra lo Studio PDM Professionisti Associati e Serdal Holding L.L.C. per favorire l’internazionalizzazione delle imprese italiane negli Emirati Arabi Uniti.

 

Una nuova corsia preferenziale per le aziende italiane che desiderano operare negli Emirati Arabi, grazie al memorandum d’intesa siglato dallo Studio PDM Professionisti Associati, con sede a La Spezia e a Milano e SERDAL HOLDING L.L.C., compagnia di Abu Dhabi, attiva in progetti di sviluppo economico locali e internazionali.

La stabilità del contesto politico ed economico, i significativi investimenti per potenziare i settori non petroliferi e per rafforzare il proprio ruolo commerciale e finanziario, l’elevato reddito pro-capite fanno degli Emirati Arabi Uniti un mercato estremamente interessante ed appetibile per le imprese italiane. 

In questo contesto internazionale, attraverso una innovativa visione del servizio professionale, per fornire consulenza al più alto livello e promuovere nuove opportunità di business per le Imprese Italiane, si afferma l’attività dello STUDIO PDM PROFESSIONISTI ASSOCIATI, con Sede in Milano e La Spezia, i cui Professionisti, Dott. De Zan Gianluca, Rag. Petrocchi Fabio, Dott. sa Marchesini Daniela e Dott. Pinelli Marco (Dottori Commercialisti e Consulenti del Lavoro), nell’ambito delle politiche volte ad accompagnare l’internazionalizzazione delle Imprese, hanno sottoscritto,  in questi giorni,  un protocollo d’intesa con SERDAL HOLDING L.L.C, società emiratina di Abu Dhabi, guidata dal Chairman H.H Sheikh Hamdan Bin Sultan Bin Hamdan Al Nahyan, Membro della Famiglia Reale degli Emirati Arabi Uniti, e rappresentata dal CEO Ali Abdulla Ali Saeed Almazrouei. 

Un risultato raggiunto grazie alla relazione personale e professionale con Federico Cervellini, Board Advisor di SERDAL HOLDING L.L.C., professionista italiano da anni punto di riferimento del Management della Società Emiratina nello sviluppo di strategie di business e componente del SERDAL Team, composto da  Khaled Moussa (Chief Operating Officer) e da Alaric Errington (Chief Investment Officer), ai quali ogni imprenditore o azienda verranno introdotti per l’identificazione accurata delle opportunità che il mercato degli Emirati e del Golfo può offrire, unitamente allo sviluppo delle attività ed operazioni in loco. 

Il Protocollo di Intesa siglato consentirà di favorire, attraverso i punti di forza di SERDAL HOLDING L.L.C., (quali la vasta rete di conoscenze, la competenza ed esperienza nella Confederazione Emiratina) ed attraverso l’affiancamento e la consulenza dei Professionisti dello STUDIO PDM, il concretizzarsi di importanti opportunità per le Imprese Italiane negli UAE. 

Opportunità in un mercato ricco, dinamico, molto competitivo ma non privo di insidie, per operare nel quale sono necessari investimenti, adeguata conoscenza del mercato, una presenza forte sul territorio e una strategia lungimirante, che questa nuova partnership mette a disposizione delle imprese italiane, per nuove e concrete prospettive di business. 

Gli Emirati Arabi Uniti sono un hub imprescindibile per le aziende italiane che desiderano proiettarsi non solo sui mercati del Medio Oriente, ma anche su quelli dell’Africa orientale e dell’Asia meridionale. 

A trainarne la straordinaria crescita economica sono state principalmente le ingenti riserve di petrolio e gas naturale, ma anche la capacità di saper sfruttare in modo ottimale – per fini commerciali e turistici – la posizione geografica particolarmente favorevole collocata fra Asia, Europa ed Africa, che rende gli Emirati il principale snodo logistico e commerciale della regione, nonché una destinazione turistica di primaria importanza. 

Gli Emirati nel 2021, si sono classificati al 1° posto nel mondo arabo e al 19° posto a livello globale per la quantità di flussi in entrata, pari a 21 miliardi di dollari, risultati favoriti dalla recente riforma che concede la possibilità, agli investitori stranieri, di detenere larghe maggioranze delle imprese locali e permette inoltre un iter burocratico molto più snello per la costituzione delle società straniere. 

Non da ultimo, gli Emirati Arabi presentano un sistema di tassazione estremamente attrattivo per le imprese straniere, regolato da decreti emanati dai singoli Emirati.