Nuove imprese in Lombardia, via l’Irap per i primi tre anni

da | 13 Mar 2020 | Fisco e Tasse

Il Pirellone ha adottato questa misura per incentivare l’apertura di nuovi negozi e di laboratori artigianali in tutti i Comuni. Unica richiesta, l’iscrizione alla Camera di Commercio

 

La Lombardia dà una spinta all’impresa.

Il Pirellone, infatti, niente affatto rassegnato a cedere allo sconforto da Coronavirus, ha stabilito di attuare appositi provvedimenti fiscali a favore delle nuove attività commerciali pronte a insediarsi sul territorio lombardo.

Certo, questo non è il momento più entusiasmante per immaginare l’avvio di commesse o di nuovi rami di impresa, ma chi, tra i nostri lettori, rinuncerebbe senza remore alla proposta di non pagare, per i primi tre anni dell’ipotetica nuova impresa, l’Irap?

L’azzeramento triennale dell’Imposta regionale sulle attività produttive, in particolare, varrà per le micro e per le piccole e medie imprese istituite in Lombardia tra l’1 gennaio e il 31 dicembre di ciascun anno di attuazione dell’agevolazione, e ha lo scopo di incentivare, soprattutto, l’apertura di negozi di vicinato e di laboratori artigianali.

Insomma, sembra quasi che, dalle parti della Giunta, abbiano letto il nostro articolo dello scorso febbraio, dove denunciavamo la crisi delle iniziative artigiane nella nostra regione, e che ci abbiano ascoltato.

La misura, infatti, intende favorire l’intraprendenza dei nuovi imprenditori non soltanto nei Comuni capoluogo, ma anche, e qui sta la novità rispetto ad analoghe iniziative passate, nelle città più piccole, fino alla soglia dei 3000 abitanti.

Flat Tax Partite IVA, al momento nessuna variazione nel testo della riforma fiscale

Per usufruire dell’agevolazione gli imprenditori interessati dovranno esibire, come unico requisito, l’iscrizione della nuova impresa alla Camera di Commercio.