Moda ecosostenibile, coniugare passione per lo shopping e acquisti consapevoli

da | 28 Set 2021 | Moda

Ecco i consigli di Paola Farina, consulente d’immagine e personal stylist con 20 anni di esperienza, su come adottare comportamenti sostenibili e combattere il fast fashion.

 

La moda rappresenta una delle principali cause del cambiamento climatico, come conferma anche una ricerca di McKinsey[1] a proposito, secondo cui l’industria è responsabile del 4% del totale delle emissioni di gas serra, una percentuale quasi pari a quella delle economie di Francia, Germania e Regno Unito insieme.  Nonostante i tentativi messi in atto dal settore per ridurre le emissioni, prosegue lo studio, la moda, per allinearsi agli obiettivi stabiliti dagli Accordi di Parigi del 2015, dovrebbe arrivare a emettere non più di 1,1 miliardi di tonnellate di CO2 entro il 2030.

Di fronte a questi numeri, che rappresentano solo la punta dell’iceberg di una situazione ben più complessa, non resta che domandarsi come agire per arginare il problema, contribuendo alla lotta al climate change partendo dalla propria quotidianità.

Il consiglio dell’esperta: non cedere all’abbuffata consumistica

Qualche utile spunto sul tema arriva da Paola Farina, consulente d’immagine e personal stylist con 20 anni di esperienza nel settore della moda e della comunicazione e autrice del podcast Armadi Scomposti. Secondo l’esperta, la prima cosa da tenere a mente prima di fare shopping è il proprio guardaroba. Fin troppo spesso, infatti, tendiamo a desiderare l’eccesso e a cedere all’abbuffata consumistica, che spinta dalle direttive della moda del momento ci invoglia a comprare ogni anno un nuovo paio di jeans, una nuova pochette e un paio di orecchini all’ultimo grido.

Il fast fashion ci offre continui spunti per rinnovare di stagione in stagione il nostro armadio, senza spendere una fortuna in capi o accessori legati alla moda del momento, che inevitabilmente sfioriscono la stagione successiva. “Comprando meno ma in maniera oculata qualcosa che, sul momento, ci appare una spesa eccessiva, può rivelarsi un investimento nel futuro, quando il prezzo di quel capo di maggior qualità verrà ammortizzato nel tempo”, commenta la personal stylist, aggiungendo che “questo non avviene nel fast fashion, che produce appositamente capi pensati per deteriorarsi velocemente, come suggerisce il termine, costringendo il consumatore poco attento a comprarne di nuovi e a contribuire all’inquinamento del pianeta”.

Quando prezzo basso significa sfruttamento e poche tutele

Calzedonia, tornano le scritte floccate. Protagoniste della campagna Autunno Inverno

Inoltre, il prezzo basso di un capo d’abbigliamento prodotto dalla moda cosiddetta “fast” è spesso anche sinonimo di situazioni di sfruttamento minorile e in generale di una situazione di mancata tutela lavorativa, in cui le persone operano in contesti difficili e pericolosi, prive di ogni diritto. Si aggiunge quindi l’aspetto sociale alla tematica ambientale, che sempre più esige un comportamento sostenibile e consapevole da parte del consumatore al fine di ridurre le disuguaglianze e gli sprechi, da cui non sono esenti neanche le grandi firme.

“Il mio consiglio è di non seguire mai le sirene della moda, che ci ispirano e fanno sognare, convincendoci che abbiamo bisogno di una grande quantità di capi”, continua Paola Farina, “In realtà, quando si tratta di shopping, la moda è una cattiva consigliera. Gli acquisti devono seguire la logica del bisogno e non dell’esagerazione, rispondendo a ciò che davvero funziona per le persone a livello estetico e funzionale”.

Scegliere un capo valido e duraturo: qualche spunto

Ma come scegliere il capo perfetto, che duri nel tempo e si adatti allo stile? Si parte dal presupposto che non basta puntare sui colori e sulla consapevolezza della propria fisicità, ma bisogna anche tenere a mente il contesto personale, culturale e lavorativo nel quale si vive, in modo da sentirsi a proprio agio anche con il taglio e la fattura. Mai dimenticare, poi, l’identità stilistica e lo stile di vita: un creativo non si sentirà mai a suo agio in un cappotto princess coat, così come una personalità romantica difficilmente indosserà qualcosa di troppo estroso. Individuate le forme e i colori che meglio si adattano al corpo e alla personalità, si avranno così a disposizione una serie di capi d’abbigliamento che difficilmente stancheranno, o smetteranno di essere usati, proprio perché il loro acquisto è stato il frutto di un’accurata analisi della persona.

CafèNoir punta i riflettori sulla nuova collezione Denim autunno-inverno 2021

Stabiliti questi punti fondamentali, è utile avere nel guardaroba alcuni elementi intramontabili, che costituiscono la base su cui conviene fare un investimento economico, proprio perché si tratta di capi durevoli che potranno essere rinnovati di stagione in stagione attraverso piccoli escamotages, come foulard, accessori per capelli, cinture e pochette.

“Pezzi cardine possono essere i cappotti, i pantaloni dall’ottima vestibilità e i blazer, ad esempio, così come i completi giacca e pantalone, i tubini da cocktail e gli accessori, che le persone tendono troppo spesso a trascurare”, suggerisce Paola Farina, “Una scarpa economica è comprensibilmente appetibile, ma la migliore qualità dei materiali garantisce durata nel tempo e praticità, due elementi imprescindibili se si vuole assumere un comportamento sostenibile e diventare parte del cambiamento”.

Si tratta, quindi, di fare una scelta ponderata e di investimento, evitando così di cadere nell’errore dell’accumulo inutile e nocivo: ogni persona, infatti, nel corso della propria vita, tende ad acquistare molti più vestiti e accessori di quelli di cui ha reale bisogno, finendo per riempire i propri armadi di pezzi non utilizzati e destinati al macero. Ovviare a questo problema assumendo un atteggiamento più responsabile e consapevole è il primo passo di un lungo percorso di lotta al climate change.

[1] Fonte: McKinsey, 2020.