Seleziona una pagina

Blocco della circolazione e Smart Working hanno messo a dura prova i punti vendita al dettaglio nel capoluogo e in tutta la Lombardia. Senza aiuti pubblici si rischia la serrata

 

C’era da aspettarselo, ma i numeri sono comunque impietosi e destano grande preoccupazione: a Milano e in Lombardia il settore della moda rischia grosso.

Come altro giudicare il calo di oltre il 50% del giro di affari dei circa 12.000 negozi che, nella regione, trattano abbigliamento?

A originare la crisi delle vendite, nel contesto del Coronavirus, non c’è soltanto la diminuzione dei clienti provenienti dall’estero, ma anche lo smart working. Chi lavora da casa, infatti, non ha più lo stimolo a fare un giro per vetrine.

Focalizzando su Milano, la perdita complessiva dei ricavi, a fine anno, sarà circa di 3,7 miliardi di euro, e più o meno 400 punti vendita, su 2.500 totali, saranno costretti alla chiusura definitiva.

ULTIME NEWS!  Autocertificazione spostamenti Dpcm 4 novembre, scarica il PDF editabile

Lo ha calcolato FederModa Milano e Federazione Moda Italia Confcommercio, che per bocca del suo presidente, Renato Borghi, domanda a gran voce attenzione al Governo nell’ambito dei Dpcm che si susseguono in queste giornate: “Al primo posto va messa sempre la salute dei cittadini, dei clienti, degli addetti, degli imprenditori e delle loro famiglie, ma è difficile digerire questi provvedimenti quando abbiamo investito importanti risorse per andare avanti con coraggio, rispettando protocolli e linee guida per la sicurezza e digitalizzando le nostre aziende. Abbiamo puntato sulla multicanalità, promosso nuovi servizi, incrementato sconti ai clienti, riducendo, però, la marginalità e di conseguenza la possibilità di sopravvivenza. Le nostre attività non riescono a stare aperte senza prospettive; vanno aiutate. Servono contributi a fondo perduto, credito d’imposta per gli affitti, condono tombale sui versamenti tributari e contributivi del 2020 e una moratoria per tutto il 2021, detassazione o rottamazione dei magazzini per superare il grande problema delle rimanenze, sospensione dei mutui e dei leasing bancari e prosecuzione della cassa integrazione fino a tutto il 2021″.


Diamo spazio e visibilità a professionisti e imprese

Piattaforma di Comunicazione, Formazione e Networking focalizzata sull'informazione per aziende e professionisti, denominati Partner, dislocati in tutto il territorio.

Acquisire autorevolezza e popolarità, aumentare la visibilità della propria azienda, creare sinergie con imprese e professionisti, raggiungere un pubblico mirato con articoli e notifiche: questa è la proposta di MilanoBIZ!


Condividi questo articolo!