Mindwork presenta HEAD ON, per promuovere l’inclusione del benessere al lavoro

da | 20 Set 2021 | Lavoro

Mindwork presenta HEAD ON – Mind your business, il nuovo evento per promuovere l’inclusione del benessere mentale al lavoro.

 

Mindwork, la prima società italiana di consulenza psicologica online interamente specializzata in ambito aziendale, nel contesto della Giornata Internazionale della Salute Mentale (10 ottobre), presenta l’evento HEAD ON 2021 – Mind your business, previsto per martedì 12 ottobre 2021, alla PHYD Arena (Via Tortona 31, Milano) dalle 9.30 alle 11.30. L’evento, alla sua prima edizione, vuole essere un momento di riflessione e dialogo sulla salute mentale delle persone in azienda, troppo spesso messa a dura prova.

Keynote speech e tavole rotonde su benessere psicologico e inclusione

L’evento ha lo scopo di far luce sull’importanza che la salute psicologica ha per il benessere, la sostenibilità, l’inclusione e l’employer branding. Alla giornata prenderanno parte tra gli altri Claudia Parzani, managing partner for Western Europe di Linklaters e Presidente di Allianz Italia Laura Burdese, CEO di Acqua di Parma, Martino Scabbia Guerrini, Executive Vice President & President EMEA di VF Corporation, nella round table CEO, mentre nella tavola rotonda HR siederanno Lucia Pellino, HR Director di Lavazza, Guido Stratta, Direttore People & Organization di Enel, Marco Russomando, Head of Human Resources and Organization di illimity. L’evento vedrà poi la partecipazione esclusiva di Sofia Viscardi, classe ‘98, content creator e founder del Venti, canale editoriale digitale che attraverso i suoi contenuti si è più volte impegnato nella sensibilizzazione dei giovani su temi come la salute mentale.

Green Pass trasporti, Conftrasporto: Fra due giorni si rischia il caos rifornimenti

Gli esperti si confronteranno a partire dai dati BVA Doxa 2021 sul benessere psicologico delle lavoratrici e dei lavoratori italiani, che verranno rilasciati proprio in occasione dell’evento. I dati che verranno presentati riguarderanno temi come il drop out lavorativo per motivi di salute psicologica, le modalità di lavoro e il loro impatto sul benessere e le modalità con cui le aziende si prendono cura delle persone al loro interno.

L’evento, moderato dalla giornalista Monica D’Ascenzo, prenderà il via con il keynote speech di Luca Mazzucchelli, co-founder e Direttore Scientifico di Mindwork, cui seguiranno una tavola rotonda incentrata sulla salute mentale, una conversazione tra Sofia Viscardi e Monica D’Ascenzio e, ancora, una tavola rotonda sui temi dell’inclusione e della Next Generation.

Includere il benessere psicologico di lavoratrici e lavoratori come obiettivo strategico per le aziende non è più procrastinabile – afferma Mario Alessandra, CEO di MindworkLa pandemia ha soltanto sollevato il velo su un fenomeno che ha sempre avuto un grande impatto sulla redditività delle imprese. Impegnarsi per far stare bene le proprie persone è certamente giusto, ma è anche l’unico modo per trattenere e attrarre i talenti migliori, soprattutto quelli più giovani”.

“Well-being in progress”: l’impegno di Mindwork per il benessere mentale in azienda

Occuparsi di salute psicologica in azienda non significa solamente prendersi cura delle proprie persone, ma anche del proprio business. Stress, ansia e burn-out sono solo alcuni dei vissuti che le persone si trovano a dover affrontare, che impattano necessariamente sulla performance. Come evidenzia uno studio condotto da Kronos Incorporated e Future Workplace ne sono consapevoli i responsabili e le responsabili HR: il 95% di questi ammette che il burnout dei dipendenti stia compromettendo la retention dei talenti.

Verifica del Green Pass nei luoghi di lavoro, i nuovi adempimenti

Il benessere mentale è poi una componente strategica fondamentale anche per la sostenibilità aziendale e per le azioni di diversity&inclusion ed employer branding. Non è un caso, infatti, se circa la metà dei millennials (GEN Y) e il 75% dei generazione Z, secondo uno studio condotto da SAP e Qualtrics e pubblicato su Harvard Business Review, ha lasciato il proprio lavoro per motivi di salute psicologica. Dati sovrapponibili a quelli italiani, come emerge dalla ricerca BVA-Doxa promossa da Mindwork lo scorso anno, che evidenzia il drop out di 1 under 34 su tre per ragioni di benessere mentale.

Su queste tematiche si concentra quindi l’impegno di Mindwork, che propone ad aziende ed HR un’offerta personalizzabile di counseling psicologico con sessioni one-to-one e momenti divulgativi. Non a caso, fanno parte del network di Mindwork psicologhe e psicologi selezionati, che operano sotto l’esperta guida del Direttore Scientifico Luca Mazzucchelli.

Mi conforta sapere che, in questo periodo storico dove tutto sembra darci segnali confusi su chi dovremmo o non dovremmo essere, la salute mentale sia un tema sempre più importante per la mia generazione – afferma Sofia Viscardi, content creator e founder di Venti Chiedere aiuto professionale è fondamentale e la mia speranza è che questa possibilità diventi sempre più accessibile”.