Milano riparte! Trasporti, negozi e commercio. Ecco le condizioni di Sala

21 Apr 2020 | Lombardia e Milano

Pubblicità

Milano riparte ma con delle condizioni. Per il sindaco Sala sarà necessario garantire la sicurezza nei trasporti e riorganizzare i turni sia nelle scuole che nei negozi

 

Il piano per la riapertura, annunciato dal sindaco di Milano Beppe Sala, si baserà su doppi turni per le scuole, negozi aperti anche la sera e riorganizzazione de trasporti. Sala annuncia così: “Stiamo lavorando a un progetto per la riapertura che presenteremo la settimana prossima, ma per riaprire sono necessarie tre condizioni”. “La data esatta, la sicurezza nel trasporto pubblico e soprattutto una nuova regolamentazione degli orari di scuole e negozi”.

 

Trasporto pubblico

Il sindaco Sala, in un’intervista al Corriere della Sera, annuncia che sta lavorando per mettere in sicurezza il trasporto pubblico con l’implementazione di alcuni sistemi, tra cui dei cerchi disegnati sul pavimento delle carrozze dei treni per garantire la distanza, riducendo ovviamente del 30% la capienza nelle ore di punta, e un sistema di controllo accessi nelle stazioni della metro che bloccherà quando si supererà un certo numero di ingressi.

Pubblicità

 

Scuole e negozi

Secondo il sindaco, in merito alle scuole, è necessario scaglionare gli ingressi e le uscite, commentando così: “i ragazzi non devono entrare tutti alle 8 ma dalle 8 alle 10. Bisognerebbe pensare a doppi turni perché le classi non potranno essere più così numerose come adesso”.

Per quanto riguarda i negozi: “se il commercio non si mette d’accordo sullo scaglionare gli orari dei negozi, se il ministero dell’Istruzione non regola gli orari delle lezioni, il sistema non regge. Bisogna lavorare sui tempi della città”. 

 

Contagi a Milano e in Lombardia di sabato 31 luglio. Protesta contro il Green Pass

Aziende e commercio

Le aziende preoccupano meno il sindaco Sala, perché abituate a una certa flessibilità e comunque in grado di garantire ingressi scaglionati, eventualmente continuando a lavorare attraverso lo smart working.

“Mi preoccupa più il commercio che prevede la presenza fisica del personale nei negozi. Non possono avere gli stessi orari di adesso. Il Comune non avrebbe nessun problema a immaginare di avere i negozi aperti la sera. Ci facciano una proposta”, commenta Sala.

Pubblicità

Pubblica la tua notizia su MilanoBIZ!