Pubblicità

Milano capitale della moda: Il capoluogo lombardo attrae ogni anno milioni di turisti che apprezzano la città di Milano anche per lo stile.

La città scelta dalla fashion week è diventata la capitale italiana della moda ma come ha fatto ad affermarsi in questo settore?

 

Milano capitale della moda: la storia

Il vero boom di Milano nel settore moda risale agli anni Settanta quando in pieno boom economico la città meneghina diventa sede dei principali editori italiani contribuendo all’affermazione anche nel settore moda.

Milano in quegli anni grazie anche alla presenza di Giorgio Armani, Gianfranco Ferrè, Valentino e Gianni Versace diventa celebre anche per il settore del prêt-à-porter che fa volare il made in Italy in tutto il mondo. il successo nel mondo della moda continua negli anni Novanta anche grazie a marchi come Prada che affermano ancora di più la città come punto focale del settore fashion italiano.

Pubblicità

È negli anni Duemila però che Milano diventa una delle capitali mondiali della moda insieme a Parigi, Londra e New York dove si svolgono le fashion week.

 

Perché Milano è la capitale della moda?

Tra i motivi per cui Milano è stata scelta come capitale della moda è la presenza della settimana della moda internazionale; durante la fashion week la città ospita le sfilate dei più grandi designer e un numero incredibile di eventi.

Milano è anche aperta ai nuovi talenti, sono proprio qui le scuole di moda più prestigiose d’Italia che aprono ai giovani designer le porte dell’alta moda con stage e contratti di lavoro diretti. In città è anche presente la Camera Nazionale della Moda Italiana, una associazione senza scopo di lucro che coordina la promozione del settore nel Belpaese.

Milano viene scelta anche per la presenza del quadrilatero della moda, vie centralissime della città in cui sono collocate le boutique più esclusive ma in realtà tra i motivi principali di Milano come capitale della moda ci sono gli abitanti della città che ogni giorno sfilano proponendo i loro look e dettando le tendenze.

Pubblicità