Condivisione

Oltre alla Lombardia, sono a rischio di Zona Arancione altre 5 Regioni, le quali potrebbero cambiare colore da lunedì prossimo anche se a livello locale vi sono già delle restrizioni. Preoccupa Milano.

 

Le Regioni che rischiano di cambiare colore, a seguito dei nuovi dati sul monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore della Sanità ed il Ministero della Salute, sono ben 6.

La novità è la promessa da parte del ministro della Salute Roberto Speranza di stabilire il cambio di colore attraverso l’ordinanza che entrerà in vigore di lunedì e non più di domenica.

Con un indice di contagio (Rt) quasi sicuramente oltre l’1, il Piemonte e la Lombardia, la quale spera di rimanere in Zona Gialla, sono tra le prime Regioni che rischiano il passaggio in Zona Arancione da lunedì 1° marzo.

Seguono il Lazio, Le Marche (dove 20 Comuni della provincia di Ancona si trovano in Zona Rossa), la Puglia e la Basilicata.

Oltre ai cambi di colore potrebbero esserci anche ulteriori restrizioni a livello locale, sempre più numerose nelle ultime settimane soprattutto a causa della diffusione delle varianti del virus.

Sono già diverse le misure a livello locale adottate nelle varie Regioni, tra le quali la Zona Rossa in Lombardia, nella provincia di Brescia e in alcuni Comuni delle province di Bergamo e Cremona, ma potrebbero esserci ulteriori restrizioni a livello locale in tutto il territorio dovute alla diffusione delle varianti del virus.

Fil.Va fa chiarezza sulle diverse certificazioni dei DPI e lancia sul mercato ARIA+ 2001 FFP2 Covid 19

Infatti, sembra che la trasmissibilità della variante inglese sia stata stimata al 37%, rispetto ai ceppi originari, dall’Istituto Superiore della Sanità, con una grande incertezza statistica, la quale varia dal 18% fino addirittura al 60%.

 

Boom di contagi in Lombardia, focolai di variante inglese anche a Milano, oltre alla provincia di Brescia. Tasso di positività all’8,2%

Esplosione di contagi a Milano nelle ultime 24 ore a causa della variante inglese. Quasi 20.000 contagiati da Coronavirus in tutta Italia di cui oltre 4.000 solo in Lombardia. LEGGI TUTTO