fbpx
Pubblicità

Rischio moderato per la Lombardia in Zona Arancione, a seguito della crescita dell’indice Rt. Ma i parametri di valutazione potrebbero cambiare entro venerdì.

 

Purtroppo, in Lombardia, l’indice di contagio (Rt) è attualmente di 0.92, come da ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità, classificata di conseguenza a “rischio moderato”. Il dato è in crescita dal giorno dell’inizio delle riaperture, risalenti al Decreto del 26 aprile.

Come sappiano, il valore dell’Rt superiore all’1 condurrebbe la Lombardia in Zona Arancione, mentre superando l’1.25 addirittura in Zona Rossa.

Pubblicità

L’incidenza sui 100mila abitanti, invece, è ancora positiva, ben distante dal campanello d’allarme dei 250 abitanti contagiati su 100mila.

Oltre l’indice di contagio, è la pressione ospedaliera a preoccupare ancora la Regione Lombardia, infatti, le terapie intensive sono ancora affollate, con un numero di pazienti che supera il limite di guardia.

 

Lombardia in Zona Arancione da lunedì 17 maggio?

Un cambiamento in merito ai parametri da tenere in considerazione, per i vari passaggi di colore delle regioni italiane, potrebbe però arrivare a breve e prima di venerdì, giorno dedicato alla consultazione del report sui contagi da parte dell’istituto Superiore di Sanità.

Il governo e le regioni, infatti, di comune accordo, potrebbero decidere di variare i paramenti utilizzati per classificare le fasce di rischio.

Vaccinazione eterologa, secondo il Premier Draghi funziona. Ecco cosa sta per succedere

L’intenzione sarebbe quella di tenere in considerazione l’indice Rt ospedaliero, dando più importanza alle percentuali dei cittadini vaccinati appartenenti alla popolazione più a rischio.

Non resta che attendere venerdì 14 maggio per conoscere i dati dell’ISS e capire se la Lombardia potrà restare in Zona Gialla.

 

Aprono anticipatamente le prenotazioni per i vaccini alla popolazione lombarda over 50. Confermata anche la zona Gialla per la Regione.

 

Una notizia che attendevano in molti: una platea di quasi 1,6 milioni di cittadini italiani che, secondo il piano di Bertolaso, dovevano essere vaccinati tra il 19 maggio ed il 7 giugno.

Ma grazie ad un ritmo di oltre 140mila vaccinazioni al giorno, la Lombardia riesce ad anticipare la campagna vaccinale per gli ultra 50enni al 10 maggio. LEGGI TUTTO

Pubblicità