Partner e pubblicità

Una lettera shock degli ortopedici afferma che i nuovi banchi scolastici monoposto presentano diverse criticità e sarebbero dannosi

 

Continuano le note negative sui banchi monoposto proposti e ordinati dal commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri.

Una lettera shock è giunta alla redazione de Il Tempo, firmata da ben 11 esperti di ortopedia, per manifestare la loro delusione e denunciare il grave errore commesso nel vedere presentati ed acquistati arredi che poco hanno a che vedere con la preservazione della integrità corporea degli alunni.

In particolare, per le seguenti criticità (estratte dalla lettera inviata a Il Tempo):

Partner e pubblicità
  1. Lo schienale della seduta è posto a livello dorsale facendo sì che la colonna lombare si raddrizzi non avendo il minimo supporto.
  2. Il legno o la plastica dura a contatto con i glutei, dove scorre superficialmente il nervo sciatico a livello della plica glutea provocano l’infiammazione della struttura miofasciale e nervosa.
  3. La profondità della seduta è unica, infatti non è prevista la differenziazione sulla base della diversa lunghezza della coscia degli studenti.
  4. L’altezza del tavolo è proporzionata all’altezza dello studente non considerando che persone della stessa altezza possono avere comparti anatomici completamente diversi così da essere dissimili da un punto di vista antropometrico.
  5. La dimensione anatomica degli alunni è sconosciuta ad inizio anno, quindi nell’acquisto degli arredi gli amministratori statali sono soliti acquistare arredi più grandi in quanto nel grande sta il piccolo mentre nel piccolo non sta il grande: da ciò ne possono conseguire ulteriori danni per gli studenti.
Condividi questo articolo!