Intimissimi, Ultralight con Cashmere. Una fibra unica e infiniti modelli

da | 6 Ott 2021 | Moda

“In Intimissimi nasce prima la fibra e poi la forma. Se la maglia fosse un profumo, la fibra ne sarebbe l’essenza.”

 

Per la stagione Autunno – Inverno 2021/2022 il brand punta ancora una volta sulla sua fibra oramai iconica, pregiata, morbida, ed essenziale. Ultralight con Cashmere: una fibra unica dall’effetto seconda pelle, quasi vellutata, che Intimissimi propone per questa stagione in nuovi modelli e colori.

Con la nuova campagna il brand sceglie di dare forza al colore iconico – il nero – e di declinarlo in numerosi modelli, dai più ricercati ai più minimal. Una sola modella per comunicare tante forme con le quali ogni donna può giocare per creare look unici che lasciano spazio anche ad una corsetteria che si possa delicatamente intravedere.

Ogni singolo capo fa propri i codici di raffinatezza ed eleganza della donna Intimissimi. Tanti i modelli proposti, tra cui la maglia collo alto, il body girocollo, l’iconica maglia con scollo a barchetta e il top e la maglia a manica lunga caratterizzati da una balza in pizzo sullo scollo a V dal gusto romantico.

Si aggiungono per questa stagione anche un body collo alto e una maglia girocollo.

Il colore esplode nel capo iconico della collezione: la maglia con scollo a barchetta. La nuova palette proposta si arricchisce di varianti dai toni polverosi come il rosa antico, un verde cenere, un azzurro jeans e toni più caldi come il rosso scuro e il marrone noce.

CafèNoir punta i riflettori sulla nuova collezione Denim autunno-inverno 2021

Intimissimi

L’intera collezione maglieria propone capi essenziali per il guardaroba di ogni donna, perfetti passe-partout da abbinare sotto un blazer oversize, con una maxi-maglia o, perché no, con il denim cinque tasche.

Per chi sogna qualcosa di unico che faccia sentire chi lo indossa speciale ogni giorno.

Per tutte le donne, per ogni occasione.

Una campagna internazionale tutta da scoprire che partirà i primi di ottobre e verrà veicolata sul web e sulla carta stampata.
Progetto #intimissimicares: tracciabilità

“Migliorare fa parte della nostra cultura. Questa è la nostra idea di sostenibilità.”

Fin dalla sua fondazione Intimissimi si è distinto non solo per la qualità e la bellezza dei propri capi, ma anche per il profondo controllo della filiera produttiva. Il 94% degli articoli presenti nei negozi Intimissimi, infatti, è prodotto in fabbriche di proprietà in Italia e all’estero.

Questa decisione consente la gestione coordinata della produzione con le altre fasi della filiera, la dedizione totale alle esigenze del brand e l’eliminazione degli intermediari. In questo modo è possibile mantenere un’elevata qualità ad un prezzo accessibile.

Questo modello di business comporta grandi investimenti e la possibilità di offrire posti di lavoro ad un ampio numero di dipendenti, a beneficio delle comunità che ospitano le aziende. In questo modo è possibile garantire un ottimo ambiente lavorativo all’interno delle fabbriche ed il rispetto dei diritti umani delle persone che ci lavorano.

Zaino Piquadro linea icona B2, la perfetta combinazione di design e tradizione

Questo approccio trasparente si concretizza ancora di più nello shop online intimissimi.com grazie alla presenza di una sezione denominata “tracciabilità” nella scheda prodotto di ogni capo, dove vengono riportati i dettagli delle strutture di proprietà in cui tale capo è stato fabbricato.

I clienti, in questo modo, possono ottenere numerose informazioni circa lo stabilimento, le fasi produttive, l’impegno rispetto alle tematiche di sostenibilità e le storie delle persone che hanno partecipato alla produzione degli articoli. L’unione tra il percorso di sostenibilità del brand e le caratteristiche di controllo della filiera hanno permesso di fare un passo avanti nella trasparenza delle attività Intimissimi nei confronti dei clienti.

Nello specifico, gli articoli maglieria vengono prodotti negli stabilimenti Gordon (Serbia), Vavuniya (Sri Lanka) e Zalli (Bulgaria). I capi arrivano poi al polo logistico di Vallese di Oppeano (Italia) per essere infine spediti nei negozi di tutto il mondo.