Partner e pubblicità

Studio Rossi informa riguardo la Naspi. L’assegno di disoccupazione spetta anche a chi è stato licenziato nonostante il divieto governativo

 

C’è voluto il concorso dell’Inps e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Alla fine, però, il responso è arrivato: la Naspi, cioè l’Indennità mensile di disoccupazione, spetta anche ai lavoratori licenziati dopo il 17 marzo 2020.

Tanta giurisprudenza attorno a una data. Perché? La causa è tutta interna ai meccanismi dello Stato.

Partner e pubblicità

L’articolo 46 del decreto Rilancio, infatti, prescrive il divieto delle interruzioni dei rapporti di lavoro dopo il suddetto termine e per i cinque mesi successivi, pena il blocco di tutte le misure assistenziali pubbliche previste a favore del datore di lavoro e del dipendente in questi casi.

Perciò, paradossalmente, il malcapitato lavoratore, che fosse incorso in un licenziamento non giuridicamente impossibile per l’azienda ma fortemente scoraggiato dalla legge, si sarebbe ritrovato anche privo dell’assegno di disoccupazione.

Partner e pubblicità

Leggi tutto l’articolo dello Studio Rossi.

STUDIO ROSSI RAG. MARIA ELENA
Via Domenico Millelire 18, 20147 Milano
Tel. +39.02.48712450
Email: info@studiorossihr.it
Web: www.studiorossihr.com

Condividi questo articolo!