Condivisione

Se pensi che viaggiando non avrai mai problemi ma solo una serie di momenti perfetti, come quelli che vedi su molti profili Instagram, ti sbagli di grosso!

 

Viaggiare è un’avventura e, specialmente se sei all’inizio e/o se viaggi in un Paese lontano dal tuo, potresti ritrovarti a fronteggiare degli imprevisti. But don’t panic!

Ecco i più comuni e come affrontarli o, meglio ancora, evitare che si presentino!

 

DIARREA DEL VIAGGIATORE

Argomento poco simpatico ma “gettonatissimo” nella lista degli inconvenienti di viaggio più comuni. C’è chi rimane vittima della diarrea del viaggiatore quando si trova in Paesi lontani, con cibi, clima e abitudini diverse dalle nostre, e altre persone che la sperimentano semplicemente andando in un’altra regione italiana!

È fondamentale, quindi, conoscere le abitudini del tuo intestino già prima della partenza e, se soffri (o pensi di soffrire) di particolari patologie, come colon irritabile, consulta il medico per l’approvazione sul viaggio e per eventuali consigli su come comportarti e sulle medicine da portarti appresso.

Detto questo, anche se generalmente il tuo intestino e il tuo stomaco non ti danno problemi, evita di bere l’acqua dal rubinetto o da qualsiasi fonte che non sia una bottiglia ermeticamente chiusa, evita il ghiaccio (è fatto con l’acqua di rubinetto), evita lo street food (se non hai particolari problemi, puoi provare; cerca però di controllare l’igiene) e tutti quei locali in cui non è ben chiaro il livello d’igiene.

Portati appresso Imodium o simili e, prima di prendere medicine che non conosci (magari da un compagno di viaggio che ne decanta le lodi), consulta un medico.

 

PERDITA DEL BAGAGLIO

Può accadere che sia la compagnia aerea a perderlo o che siamo… noi! In ogni caso, prepara due bagagli, va bene anche se uno è piccolo, che contiene però tutte le cose importanti (es. computer) e un cambio, un pigiama eccetera per non ritrovarti senza niente se tu dovessi arrivare a destinazione e il tuo bagaglio fosse, invece, smarrito. Fai sempre attenzione ai tuoi bagagli, soprattutto se ne hai diversi, e alcuni piccoli (per esempio, la borsa della macchina fotografica).

Volonturismo si o no? Pro e contro di questa tipologia di turismo

Se utilizzi mezzi pubblici, controlla sempre prima di scendere. Lo stesso vale se, in un tour, viene richiesto di preparare un piccolo bagaglio, per esempio per la serata nel deserto, e lasciare il resto in hotel; controlla sempre cosa porti con te, per non ritrovarti brutte sorprese. Nel caso in cui fosse stata la compagnia aera a smarrire il bagaglio, ovviamente informali immediatamente e segui la procedura da loro indicata sperando che, prima o poi, il bagaglio ti venga recapitato.

 

IL FUSO ORARIO

A chi non è mai capitato di sentirsi un po’ sottosopra dopo essere arrivati in un Paese lontano? È normale, perché il fuso orario ha un impatto sul nostro fisico e sulla nostra psiche. La tolleranza a questi cambiamenti varia da persona a persona, in base non solo al proprio fisico e alla propria mentalità, ma anche alla frequenza con cui viaggia. Inutile dire che un viaggiatore esperto è più abituato di un novellino. È importante cercare di adattarsi il prima possibile all’ora del Paese in cui ci si trova. E non vi allarmate se all’arrivo nel Paese, o al rientro in Italia da un Paese lontano, avete i classici sintomi del fuso orario come mal di testa, perdita di sonno e stanchezza (ovviamente questi sintomi devono sparire in tempi brevi; se così non fosse, consultate un medico).

 

RITARDO O CANCELLAZIONE DEL VOLO

A volte può capitare che il tuo volo sia in ritardo o addirittura cancellato e questo può mandare a monte tutti i tuoi piani, specialmente se hai delle coincidenze. Una volta, con la Ryanair, mi è perfino capitato che, di ritorno da Londra, mentre stavamo viaggiando, abbiano detto che invece di atterrare a Pisa, come programmato, saremmo atterrati a Bologna perché stava finendo la benzina (!).

Da Bologna, ci hanno caricati su un bus, era già sera; ovviamente in bus ci abbiamo messo molto più tempo e siamo arrivati all’aeroporto di Pisa a notte fonda. Sicuramente queste situazioni sono esasperanti, però molto dipende anche dal tuo atteggiamento: di solito, la maggior parte dei viaggiatori si fa prendere da ansia, rabbia, fastidio ma questi atteggiamenti non risolvono la situazione, anzi, aumentano la negatività.

Vacanze in Salento, le Maldive italiane! Mare e spiagge da lasciare a bocca aperta

Ovviamente è più facile essere frustrati, e a ragione, se abbiamo reali motivi per cui quel ritardo può causare problemi, ma se stai viaggiando senza grandi pianificazioni, tutta quella rabbia e frustrazione ti farà solo star male. Informati presso il desk della compagnia aerea riguardo a eventuali rimborsi e al supporto per i viaggiatori lasciati a terra a causa di una cancellazione. Se, invece, sei tu a perdere il volo, rivolgiti comunque alla compagnia aerea, spiega la motivazione e senti come procedere (se c’è posto, potrebbero imbarcarti sul volo successivo, magari nello stesso giorno).

 

SMARRIMENTO O FURTO DEI DOCUMENTI

Uno degli incubi d’eccezione per i viaggiatori! Partiamo con le classiche raccomandazioni sul tenere i documenti (ma anche i soldi e tutto ciò che è di valore) in un posto ben nascosto e non, per esempio, nella tasca esterna dello zainetto. Fotocopia i documenti, e tieni le fotocopie in un posto diverso rispetto agli originali (puoi anche scansionarli e salvarli nel computer o nel telefono).

In caso di furto o smarrimenti dei documenti mentre sei all’estero, sporgi denuncia alla polizia locale; prima del Covid-19, alcune compagnie dell’area Schengen consentivano l’imbarco con la sola denuncia ma se così non fosse era possibile rivolgersi al Consolato Italiano in loco per avere un documento provvisorio di viaggio. Quando potremo tornare a viaggiare, sarà importante informarsi anche su come agire in caso di furto o smarrimento dei documenti.

Naturalmente, parti sempre con un’assicurazione di viaggio che copra anche queste eventualità e, in giro, usa il senso comune: non avere la classica aria da turista, non avere in bella mostra i documenti o il portafoglio, non tenere i documenti dove non puoi vederlo (es. nello zaino), fai particolare attenzione in momenti di caos (es. metropolitana) o frenesia (es. procedure d’imbarco in aeroporto).