Partner e pubblicità

Una nota ufficiale emessa dal Ministero dello Sviluppo Economico ha reso pubblici tutti i criteri e le istruzioni necessarie per procedere all’acquisto agevolato di motociclette e motorini ibridi o elettrici

 

La scorsa settimana vi abbiamo fornito informazioni utili per il passaggio a un’automobile elettrica o ibrida, in questa vi rendiamo lo stesso servizio se siete tra coloro che sostengono la mobilità verde, ma preferite girare sulle due ruote.

Partiamo con l’importo del contributo pubblico riconosciuto.

Esso è del 30% del prezzo di acquisto, con tetto di 3.000 euro, senza rottamazione di un preesistente veicolo, e del 40%, con tetto di 4.000 euro, con rottamazione di un preesistente veicolo.

Partner e pubblicità

Tale agevolazione, è bene specificarlo, non è appannaggio esclusivo delle persone fisiche, ma è estesa anche alle persone giuridiche, nel limite di cinquecento automezzi acquistabili nel corso di un anno e tutti intestati al medesimo soggetto.

Dopodiché, la lista dei veicoli ammessi al contributo pubblico. Forse sarà materia per specialisti, ma i centauri non avranno difficoltà a ritrovarsi nella categoria di appartenenza:

  • Categoria L1e: veicoli a due ruote con cilindrata fino a 50 cc e velocità massima di costruzione (qualunque sia il sistema di propulsione) fino a 45 km/h
  • Categoria L2e: veicoli a tre ruote con cilindrata fino a 50 cc e velocità massima di costruzione (qualunque sia il sistema di propulsione) fino a 45 km/h
  • Categoria L3e: veicoli a due ruote con cilindrata superiore i 50 cc o con velocità massima di costruzione (qualunque sia il sistema di propulsione) superiore ai 45 km/h
  • Categoria L4e: veicoli a tre ruote asimmetriche (motocicli con carrozzetta laterale)
  • Categoria L5e: veicoli a tre ruote simmetriche rispetto all’asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore ai 50 cc o velocità massima di costruzione (qualunque sia il sistema di propulsione) superiore a 45 km/h
  • Categoria L6e: quadricicli leggeri, la cui massa a vuoto è inferiore o pari a 350 kg, esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, con velocità massima per costruzione fino a 45 km/h e cilindrata inferiore o pari a 50 cc per i motori ad accensione comandata; o la cui potenza massima netta è inferiore o uguale a 4 kW per gli altri motori, a combustione interna; o la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici
  • Categoria L7e: i quadricicli, diversi da quelli di cui alla categoria L6e con massa a vuoto fino a 400 kg (550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci), esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, e la cui potenza massima netta del motore è inferiore o uguale a 15 kW
Condividi questo articolo!