Imprese Lombarde, edilizia e costruzioni in crescita nel secondo trimestre

da | 7 Nov 2021 | Economia

Volume d’affari in forte crescita nel secondo trimestre del 2021 per le imprese lombarde delle costruzioni ed edilizia. Preoccupa però l’aumento dei costi e la disponibilità di materiali.

Le imprese lombarde delle costruzioni ed edilizia registrano nel secondo trimestre del 2021 una forte crescita del volume d’affari. Il balzo del +37,4% su base annua è frutto della ripresa a pieno regime dopo la riduzione delle attività che aveva caratterizzato l’analogo periodo del 2020 in piena emergenza sanitaria. Questo trend positivo e lo stato di salute del comparto sono confermati anche dalla variazione rispetto al trimestre precedente: l’incremento sul I° trimestre 2021 sfiora il 5%, registrando il quarto valore positivo consecutivo. Si conferma quindi la velocità di marcia sostenuta già registrata nei primi tre mesi dell’anno.

Con questi risultati, l’indice di Unioncamere Lombardia del volume d’affari torna a superare quota 100: al di sopra sia dei livelli pre-crisi che della situazione che caratterizzava il settore negli anni precedenti (era dal 2010 che non si raggiungevano valori simili). Gli imprenditori sembrano scommettere sul proseguimento della tendenza positiva, mostrando un ulteriore miglioramento del clima di fiducia: il saldo tra aspettative di crescita e di diminuzione per il prossimo trimestre risulta ampiamente positivo (+27) e rappresenta il valore massimo della serie storica.

Prezzi degli alimenti al massimo per l'aumento dei costi dell'energia

“Le costruzioni rivestono un ruolo fondamentale nell’economia lombarda e il loro rilancio può fare da importante volàno anche per molti altri settori.”-  ha dichiarato il Presidente di Unioncamere Lombardia Gian Domenico Auricchio – I fattori che hanno permesso questa ripresa dell’edilizia sono numerosi: dalla maggiore importanza attribuita agli spazi domestici dopo la pandemia, alle condizioni favorevoli di accesso al credito, agli incentivi fiscali e alla ripartenza degli investimenti pubblici.”

I dati rilevati dall’indagine confermano il clima già ampliamento rilevato nello scorso report” dichiara il Presidente di ANCE Lombardia, Tiziano Pavoni. “Il comparto regionale prosegue nel suo trend positivo, ma iniziano concretamente a pesare l’aumento dei costi e il conseguente mancato approvvigionamento dei materiali, assieme alla mancanza di manodopera: elementi fondamentali per sostenere la crescita del settore, per dar corso agli importanti impegni assunti con il 110% e, in prospettiva, per realizzare le opere legate ai Giochi Olimpici invernali del 2026 e al PNRR”.

L’indagine trimestrale di Unioncamere Lombardia ha approfondito il tema della situazione finanziaria delle imprese di costruzioni e del mercato del credito, registrando una diminuzione del grado di indebitamento e un miglioramento dei giudizi relativi alle condizioni di accesso al finanziamento bancario. Tra i motivi per ricorrere al credito spiccano le necessità di liquidità e cassa, anche in via precauzionale (79%), mentre emerge anche la rinnovata volontà delle imprese di tornare a investire: la percentuale che indica questa motivazione sale al 42%, superando così i valori del 2019.

Omicron rovina il Natale all’estero ad oltre 2 milioni di italiani

Vengono rilevati con meno frequenza i fattori negativi che un anno fa, a seguito dell’emergenza, penalizzavano la situazione finanziaria delle imprese: ritardi di pagamento, difficoltà a sostenere le spese correnti e nel rimborso dei finanziamenti.

Le questioni legate all’approvvigionamento e al rincaro dei materiali sembrano rappresentare in questo momento un fattore cruciale che rischia di compromettere la crescita del settore, rallentando l’attività ed erodendo i margini delle imprese. Lo dimostra il dato sui costi di magazzino che registra una crescita di ben venti punti: dal 9% al 29%.


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: