Google Cloud a Milano: aperta la prima region italiana

da | 21 Giu 2022 | Tecnologia

Google Cloud ha inaugurato a Milano la prima region italiana: dopo averlo annunciato è stata ufficialmente aperta. Il primo ritorno? Già un numero elevato di assunti ma ci sarà anche una crescita economica importante per la città.

 

Che Milano sia la città del business per il Belpaese non è un mistero ma che proprio il colosso Google avesse in progetto di aprire qui la prima region italiana ha attirato l’attenzione. Il Google Cloud a Milano arriva dopo l’annuncio e grazie alla collaborazione con Tim.

 

Google Cloud apre a Milano: il progetto in collaborazione con Tim

Il progetto di Google Cloud ha preso piede grazie alla collaborazione con Tim; il progetto entra a far parte della rete globale che conta attualmente 34 region e 103 zone.

Questi progetti sono utili a Google per poter fornire i servizi in oltre 200 Paesi andando quindi a soddisfare le richieste dei numerosissimi utenti. Milano apre la pista ma tra pochi mesi anche Torino avrà la sua Region.

 

Gli obiettivi di Google Cloud

Google ha dichiarato che questo progetto avrà sicuramente un impatto positivo sull’economia; secondo quanto stimato ci saranno 3,3 miliardi di euro che avranno un impatto economico significativo ma non solo. Entro il 2025 saranno 65.000 i nuovi assunti tra Lombardia e Piemonte. Continuando a parlare di statistiche si dice che la fase di avvio durerà tre anni e inizialmente saranno 25.000 le persone impiegate.

 

Il progetto Cloud italiano

Google non si è mosso da solo, come abbiamo accennato. Il suo braccio destro è stata TIM. I servizi che verranno offerti sono quelli di cloud pubblico, privato ed ibrido.

Insomma, è chiara la direzione che Big G sta scegliendo: si vuole affiancare ad aziende italiane che desiderano muoversi verso la trasformazione digitale. I servizi offerti sono quelli classici di un provider come ad esempio Compute Engine, Google Kubernetes Engine, Cloud Storage, Persistent Disk, CloudSQL e Cloud Identity.

Se vi state chiedendo il perché di due region nello stesso Stato la risposta è semplice: l’idea è quella di garantire un piano B che in informatica è conosciuto come “Disaster Recovery”. Il Cloud pensato da Google è anche green: secondo quanto dichiarato compenserà il 100% dell’elettricità consumata acquistando energia rinnovabile.

Google è una delle aziende più vivaci e la region Cloud non poteva essere poi diversa. Oltre ai servizi già citati, il progetto promuoverà numerosi eventi, iniziative e chiaramente anche formazione. Possiamo anche dire che non è stato il primo: ad aprire la pista in questa direzione sono stati Amazon, Microsoft ed Oracle.

 

 

Le dichiarazioni ufficiali

Da Google la dichiarazione ufficiale spiega che “da oggi aziende e organizzazioni del settore pubblico potranno archiviare dati facendo affidamento su servizi cloud veloci, affidabili e sicuri per sviluppare e fornire applicazioni ad alta disponibilità e bassa latenza per i propri clienti – tutto sul cloud più pulito del settore.”

Layla Pavone, Head of Innovation Technology & Digital Transformation Board del Comune di Milano ha invece spiegato come proprio questa apertura non solo rafforzi il legame iniziato nel 2001 ma vada a registrare un segno di fiducia per il capoluogo lombardo.

Tag:

Autore: Angelica Losi