fbpx
Pubblicità

Il Garante della Privacy procede con una richiesta formale a Clubhouse per mettere in luce la protezione dei dati personali degli iscritti, ai sensi del Gdpr. Ecco le anomalie riscontrate.

 

Clubhouse è l’app più chiacchierata del momento, un social network basato sullo scambio di messaggi vocali attraverso delle “stanze”, disponibile momentaneamente solo per gli utenti iPhone, approdato anche in Europa ma, a quanto pare, senza un’adeguata politica sulla privacy che rispetti le regole comunitarie.

Il Garante della Privacy italiano ha quindi inviato una richiesta formale alla Alpha Exploration Company di Oakland (California) per accertarsi che siano rispettati i diritti dei cittadini europei, ai sensi del GDPR, soprattutto in merito all’archiviazione dei dati personali e relativa cancellazione in caso di richiesta (avendo accesso alla rubrica dei contatti), oltre che per conoscere se analizza biometricamente le tracce audio, un sistema che potrebbe essere usato per riscostruire le impronte vocali.

Pubblicità

Secondo il responsabile per la protezione dei dati di Amburgo, Johannes Caspar, la procedura utilizzata da Clubhouse, per inviare i link di accesso all’App, sarebbe in violazione alle disposizioni del GDPR.

Un altro problema sembrerebbe rappresentato dalle conseguenze della rete di rapporti messi in bella vista: il nome di chi garantisce il nuovo iscritto, infatti, a seguito dell’invito a registrarsi, resta pubblico senza la possibilità di nasconderlo.

FaceTime per Windows e Android, la novità di Apple in occasione del rilascio di iOS15

Infine, sarà necessario chiarire la tipologia di trasferimento dei dati verso gli Stati Uniti consentito dal social network. Questo perché il Privacy Shield, ossia gli accordi per l’interscambio delle informazioni tra Europa e Stati Uniti, sono stati invalidati dopo la sentenza Schrems II; la quale metteva in discussione la protezione dei dati personali europei inviati ai server americani.

Insomma, un po’ di nodi da sciogliere per quel che concerne l’utilizzo dell’App in Europa secondo il Garante della Privacy, il quale ha concesso all’azienda di rispondere alle richieste entro 15 giorni.

Pubblicità