Festa delle Donne, 8 marzo. La Mimosa, le due vicende storiche collegate e la versione ufficiale

da | 8 Mar 2021 | Intrattenimento

Oggi, 8 marzo, è la Giornata Internazionale dei Diritti della Donna, chiamata anche Festa delle donne; una ricorrenza nata per ricordare le diverse lotte sociali e politiche che le donne hanno affrontato nel tempo, affinché la loro voce venisse ascoltata.

Infatti, in passato le donne hanno condotto diverse ribellioni al fine di spezzare i diversi modelli sociali e culturali in cui non si riconoscevano.

 

La Festa delle Donne viene attribuita a due vicende storiche

La prima vicenda storica risale all’8 marzo 1911, quando un gruppo di operaie di una nota industria tessile di New York, vennero chiuse all’interno della fabbrica dai proprietari, i quali bloccarono le porte d’uscita per le continue proteste da parte delle donne sulle terribili condizioni in cui lavoravano.

Purtroppo qualcosa andò storto e scoppiò un incendio che causò la morte di 134 operaie, molte delle quali erano immigrate, anche italiane, che cercavano di migliorare le proprie condizioni di vita.

La seconda vicenda storica è legata alla Rivoluzione di febbraio in Russia, avvenuta durante la Prima Guerra Mondiale, l’8 marzo del 1917, quando molte donne operaie si unirono agli uomini in rivolta in strada per protestare contro lo Zar. La data venne appunto ricordata per la dimostrazione dell’impegno delle donne a favore dei propri diritti e della libertà.

Calendario 2022 da parete e da tavolo per la casa e per l'ufficio

 

La Festa delle Donne secondo gli esperti storici

Secondo gli esperti, la nascita della Giornata Internazionale della Donna sembra che sia strettamente collegata al clima politico di inizio ‘900, quando la popolazione femminile cominciò a reclamare maggiori diritti a loro favore, tra cui il diritto al voto.

Il Partito Socialista Americano, infatti, nel 1909 lanciò l’idea di dedicare una giornata all’importanza delle donne nella società, celebrando l’avvenimento il 23 febbraio di quell’anno.

La proposta venne successivamente ripresa dall’attivista Clara Zetkin, nell’anno successivo (1910), durante la seconda Conferenza Internazionale delle Donne Socialiste avvenuta a Copenaghen, in Danimarca.

Da quel giorno ogni nazione cominciò a scegliere una data sul proprio calendario da dedicare alla figura femminile, fin quando, nel 1921, si pensò ad istituire un’unica data internazionale, facendo cadere la scelta sull’8 marzo per ricordare la protesta avvenuta in Russia nel 1917.

 

Perché la Mimosa è collegata alla Festa delle Donne

La tradizione di omaggiare alle donne i fiori di Mimosa è tutta italiana, l’origine viene attribuita alla fine della Seconda Guerra Mondiale, nel 1946, a seguito dell’iniziativa di tre membri dell’Unione Donne Italiane: Teresa Mattei, Rita Montagnana e Teresa Noce.

Insieme decisero che sarebbe stata la Mimosa il simbolo da regalare a tutte le donne nella giornata a loro dedicata, essendo una pianta poco costosa e quindi alla portata di tutti, oltre a fiorire in quel periodo dell’anno e di conseguenza facilmente reperibile nelle campagne.


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: