Condivisione

Oltre ad una professione, per Luca Maria Lavezzi il Feng Shui è una vera e propria passione. Abbiamo intervistato il nostro nuovo Partner

 

Ciao Luca, ci racconti in cosa consiste la tua attività?

Più che definirla un’attività, la mia è una vera e propria passione perché da anni, ogni giorno, ci metto impegno, dedizione e tutto me stesso. Sono sia un Consulente Feng Shui sia un ingegnere edile/architetto e da sempre mi occupo di creare ambienti in cui le persone ritrovino una sensazione profonda di benessere, così da raggiungere gli obiettivi e i traguardi desiderati, a casa e sul posto di lavoro.

La struttura della nostra casa o del luogo lavorativo – con le mura, le partizioni interne e la sottostruttura data dal posizionamento degli arredi – condiziona non solo gli spostamenti tra un ambiente e l’altro e quelli all’interno di una singola stanza, ma nello stesso tempo influisce sul nostro modo di pensare, di approcciarci alla vita, sull’umore e sul comportamento. Il benessere psicofisico viene determinato in buona misura anche dal contesto in cui viviamo quindi dobbiamo strutturarlo e attrezzarlo nel modo migliore, in ottica presente e futura.

 

Come è nata la passione per il Feng Shui e quanto si deve studiare per applicare questa disciplina correttamente?

Credo che il Feng Shui abbia sempre ha fatto parte di me, quasi come una conoscenza innata e recondita. L’interesse per il rapporto uomo-ambiente, ad esempio, mi ha portato a scegliere un indirizzo universitario e lavorativo che mi facesse approfondire questi temi da un punto di vista tecnico; in seguito ho studiato per diventare Consulente Feng Shui e dare forma a questa personale sensibilità legata alla ricerca del benessere abitativo e lavorativo.

La mia missione è progettare, costruire, ristrutturare in modo consapevole, non solo per un effetto finale estetico e funzionale, ma soprattutto per coloro che vivranno in questi spazi. Non si tratta di creare un ambiente per una categoria di persone (sigle, coppie, famiglie), ma di pensarlo ad hoc per le singole persone che ne beneficeranno in prima persona.

Contributi a fondo perduto per Partite Iva in arrivo da oggi 8 aprile. Accredito sul conto corrente oppure credito d’imposta

Il mio è stato un percorso lungo anni, impegnativo ma del tutto appagante e gratificante. È fondamentale studiare il Feng Shui, però è altrettanto importante assimilare e far sedimentare dentro di noi i suoi molteplici saperi secolari, così da poterlo mettere in pratica correttamente e ottenere i risultati desiderati dal cliente.

 

Chi sono i tuoi principali clienti?

Il Feng Shui è una disciplina universale perché studia il rapporto tra uomo e ambiente, quindi chiunque abbia una casa, un’azienda, un negozio o uno studio può beneficiarne in prima persona. Vengo chiamato nel caso di scelta di un nuovo immobile, di una costruzione ex novo o di ristrutturazione, anche se il più delle volte si tratta di andare ad analizzare situazioni esistenti.

Il Feng Shui se applicato in fase decisionale, ossia al momento di scegliere dove trasferirsi oppure come progettare gli spazi, darà maggiori benefici perché andrà a operare su un ampio spazio d’azione. Specifico che un’analisi Feng Shui parte dallo studio del contesto in cui ci si trova, per poi definire gli interventi nello spazio, casa o azienda che sia.

La maggior parte dei miei clienti richiede la consulenza per i loro attuali immobili perché, pur non volendo affrontare lavori di ristrutturazione, percepiscono di non ricevere più la giusta energia e spinta vitale. Alle volte avvertono un senso di malessere oppure vogliono dare una ventata d’aria nuova al loro percorso di vita.

 

Immagino che la conoscenza delle persone e il loro stile di vita sia importante per una consulenza Feng Shui, qual è la tua modalità di lavoro?

La persona è sempre al centro della consulenza Feng Shui. Questa antica disciplina si occupa di studiare la relazione profonda tra uomo e ambiente, quindi è fondamentale conoscere chi ho di fronte e capirne le reali esigenze e necessità.

Cassa integrazione guadagni in deroga e sistema di conguaglio per datori di lavoro. Studio Rossi informa

La consulenza parte da un incontro privato conoscitivo, durante il quale ascolto in modo attivo ciò che mi viene detto, prestando attenzione ai dettagli e alle sfumature. Chiedo alla persona di raccontarsi e dirmi il motivo per il quale ha richiesto il mio intervento: ognuno di noi desidera miglioramenti nella propria vita.

Ogni ambiente, a seconda da chi viene occupato, dovrà assumere una conformazione diversa, non solo a livello estetico e funzionale, ma anche a livello profondo, così da trasmettere – tramite forme, colori e dimensioni – il corretto input benefico e motivazionale.

 

Ci racconti una situazione particolare a cui hai dovuto far fronte?

Non esiste una situazione uguale all’altra. Ogni volta che vengo chiamato per una consulenza entro nella sfera personale e intima delle persone. Ogni volta che mi viene aperta la porta di ingresso non conosco ciò che troverò dietro e nemmeno quello che mi verrà detto.

Ciascuno di noi racchiude un micro mondo e una visione particolare della vita: vanno rispettati e non giudicati.

Il sopralluogo e il colloquio conoscitivo fanno parte del primo step della consulenza Feng Shui, le mie parole d’ordine sono: rispetto, riservatezza e segretezza. Se una persona decide di affidarsi a me troverà, oltre che un Consulente Feng Shui professionale, un ascoltatore attento e un consigliere fidato, in grado di aiutarla a raggiungere i traguardi tanto sperati.

Luca Maria Lavezzi
Architettura & Feng Shui
Email: lucamarialavezzi@gmail.com
Web: www.lucamarialavezzi.com