Feat Food a Milano, laboratorio di produzione: 2.000 pasti al giorno studiati dall’Intelligenza Artificiale

da | 24 Mar 2021 | Food e Drink

È il terzo in 5 anni: per soddisfare tutte le richieste di consegna a domicilio di pasti sani e bilanciati, la startup si è appena trasferita in una cucina attrezzata in via Mancinelli, in attesa di inaugurare un capannone hi-tech a Trezzano sul Naviglio

 

Sbarcata a Milano nel 2016, a un anno dalla nascita a Lecce, la startup Feat Food, che consegna agli italiani pasti sani e bilanciati studiati dall’Intelligenza Artificiale, ha messo le radici in città e continua a crescere. Parte del team, che oggi conta 21 persone (quasi raddoppiate in un anno e in attesa di altre 5 assunzioni), si è appena trasferita in un nuovo laboratorio di produzione in via Luigi Mancinelli, dove verranno assemblati i piatti secondo le grammature indicate dagli algoritmi di Machine Learning, prima di essere affidati al corriere per le spedizioni.

Il nuovo laboratorio da 500 mq è già attrezzato e va a sostituire quello in centro, in via De Amicis da 160 mq, dove tutto era nato ma che non era più in grado di soddisfare l’aumento delle richieste. Feat Food, infatti, trainata dal suo canale e-commerce dove gli utenti possono compilare tutte le informazioni necessarie (caratteristiche fisiche e obiettivi di forma) per farsi programmare la dieta dall’A.I., nell’ultimo anno ha triplicato il suo fatturato, acquisito 2.000 nuovi clienti (+240%) e conquistato il 168° posto (3° italiana) nella FoodTech 500, che individua le 500 migliori startup food tech al mondo: “La capacità produttiva della nostra cucina era di 500/600 pasti al giorno – spiega Donato Villani, Chief Operating Officer di Feat FoodAbbiamo deciso in poche settimane di trasferirci in questa nuova soluzione ‘pronta all’uso’ che ci permette di garantire 2.000 piatti pronti al giorno, ma stiamo installando nuovi macchinari per aumentare ulteriormente la capacità“.

Doppio Malto di Milano si trasforma in centro di socialità e aggregazione

La startup, che a ottobre 2020 è stata protagonista di una campagna di equity crowdfunding andata in overfunding, aveva già in programma l’allestimento di un grande capannone a Trezzano sul Naviglio, attrezzato con macchinari hi tech, per garantire la produzione di 4.000 pasti al giorno, ma il tutto però sarà operativo nella seconda metà 2021 Nella nuova struttura di via Mancinelli lavorano 11 risorse – 7 cuochi e 4 addetti alla logistica inbound e outbound – di cui 3 sono state appena assunte.

Un amore con Milano nato sui banchi dell’università

Il fondatore di Feat Food, Andrea Lippolis, classe 1992, ha sempre avuto un legame stretto con Milano, dove si era trasferito per frequentare la facoltà di Ingegneria Gestionale presso il Politecnico. Da sempre appassionato di fitness e con un passato da cestista nelle serie minori, durante il periodo dell’università, tra esami e allenamenti, Andrea si rende conto che, anche nella futuristica Milano, mancava un servizio di consegna a domicilio di piatti pronti e personalizzati, che potesse soddisfare le esigenze di tutti coloro che desideravano raggiungere determinati obiettivi di forma, ma non avevano né le competenze né il tempo per prepararsi i piatti. Nasce così, nel 2011, l’idea di Feat Food, una piattaforma che sfrutta le potenzialità dell’Intelligenza Artificiale.

Andrea nel 2015 torna nella sua città natale per far muovere i primi passi alla sua “creazione”: in una piccola gastronomia di Lecce uno chef prepara pasti sani e bilanciati secondo le indicazioni di Andrea, che poi li consegna personalmente a domicilio a bordo del suo scooter. Tornato a Milano l’anno successivo, Andrea organizza il lavoro in modo più strutturato e da allora non si è più fermato, continuando a crescere.

Olio extravergine italiano, 5 proposte di OlivYou per Natale

Nei suoi primi 6 anni di vita Feat Food ‘ha servito’ agli italiani oltre 200.000 piatti (50.000 solo nel 2020).


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: