fbpx
Pubblicità

La prossima chiusura di Facebook Analytics ha messo in luce alcuni aspetti molto importanti per Annalisa Vicari, Social Media Manager. Ecco cosa ci ha raccontato.

 

Facebook Analytics chiude

Il 30 giugno 2021 Facebook chiude il suo Facebook Analytics e lo comunica via mail a tutti i suoi utenti, così come comunica che il 16 aprile 2021 chiuderà il servizio Video Party.

La notizia in sé della chiusura di Facebook Analytics non tocca tutti, ma impatta principalmente sui professionisti che utilizzano questo strumento per analizzare le performance delle pagine che gestiscono, per poi redigere il report e spiegare al cliente l’andamento delle strategie attuate.

Pubblicità

Ma ci saranno altri tre strumenti disponibili per arrivare a redigere un report: Facebook Suite, Gestione Inserzioni all’interno del Business Manager e Gestione Eventi.

 

Riflessioni a riguardo

Personalmente ho colto questa modifica di Facebook per affrontare un tema più ampio: i social network sono piattaforme di aziende private che possono modificare le regole del gioco unilateralmente, quindi noi utenti siamo semplicemente degli “ospiti”.

Non scopriamo una cosa nuova, ma dall’inizio di questo 2021 ci arriva sempre più forte il messaggio e la percezione di non avere nessun potere decisionale sui social in generale.

Questa percezione sta creando una sensazione di instabilità in tutti coloro, che come me, svolgono professioni direttamente correlate ai social: i Social Media Manager.

Questo articolo è dedicato proprio ai miei colleghi che, in questo periodo storico, si sentono confusi sulla strada da percorrere.

 

Come lavorare in un mare di Social Network?

Siamo in un mare di Social Network! Facebook, Linkedin, Tik Tok, Clubhouse, YouTube, Twitch, Twitter e altri ancora. È importante esserne consapevoli!

FaceTime per Windows e Android, la novità di Apple in occasione del rilascio di iOS15

Infatti, ogni mio post termina con #beaware, perché credo che solo la consapevolezza del luogo in cui ci troviamo, oltre alle sue dinamiche, ci consente di non essere travolti dalle onde o dagli Hype che dir si voglia.

Le basi su cui abbiamo posto il nostro lavoro non sono immobili e non lo sono mai state.

Occorre sempre uno studio costante, aggiornamenti quotidiani, passione e una predisposizione all’adattabilità e al cambiamento, al fine di restare dei professionisti nel proprio settore, senza incorrere nella FOMO (Fear Of Missing Out), ossia la “paura di essere tagliati fuori”, per il voler assolutamente provare a fare di tutto su ogni Social, i quali hanno funzionalità e dinamiche differenti.

Non ho mai creduto alle persone che si proponevano capaci su tutto, ma ora più che mai assisteremo a una verticalizzazione delle professioni digitali.

 

Cosa intendo per “verticalizzazione”

Per “verticalizzazione” intendo assumere la consapevolezza sui Social Network che conosciamo meglio, nei quali ci troviamo a nostro agio lavorare.

Attenzione, non sto insinuando che non dobbiamo conoscere tutti i Social presenti sul mercato, mi riferisco al fatto che sicuramente ciascuno di noi ha una propensione all’uso di alcuni rispetto ad altri, di conseguenza non possiamo pretendere di lavorare bene ovunque.

È quindi importante individuare il nostro “habitat”: il primo step che dobbiamo analizzare per poter fornire un servizio di qualità ai nostri committenti.

Come pulire casa quando siamo in vacanza con i robot intelligenti iRobot

A tal riguardo, personalmente, sono a favore delle collaborazioni tra colleghi verticalizzati.

Quindi, se mi accorgo che nella strategia di marketing da attuare occorre utilizzare dei Social a me poco affini per raggiungere gli obiettivi, mi accordo con il collega più ferrato di me.

Ritengo che questo atteggiamento collaborativo sia la chiave vincente per raggiungere gli obiettivi del cliente.

 

Il blog non è morto!

Molto spesso mi sono trovata di fronte alcune proposte di collaborazione con imprese che non avevano un sito internet aggiornato e con altre persino sprovviste. No, non funziona così!

Il sito internet è fondamentale, è il luogo dove parliamo di noi, dei nostri valori, della nostra etica, di quali prodotti e servizi forniamo. È impossibile realizzare una strategia di Digital Marketing efficace se manca l’elemento principale.

Il sito internet è l’unico luogo dove possiamo raccogliere i nostri contenuti, i quali restano di nostra proprietà. Ricordiamo che sui Social Network siamo “ospiti” e se chiudono o cambiano le regole non saremo più in possesso delle nostre opinioni, percezioni e contenuti.

Se ancora non avete un sito internet prendete atto di questa mia riflessione e cominciate da subito a realizzarne uno.

Annalisa Vicari
Social Media Manager | Facebook Ads Expert | Digital Strategist | Consulente
Email: annalisavicari@gmail.com
Web: www.annalisavicari.it

Pubblicità