fbpx
Pubblicità

La Commissione Europea ha lanciato un bando speciale per l’installazione e la fruizione gratuite di connessioni WiFi nei Comuni italiani in cui Internet è scarsa o assente

 

Fondi per diffondere Internet.

Sono quelli che, a partire dal prossimo 3 giugno, la Commissione Europea ha deciso di mettere a disposizione di tutti i Comuni collocati sul territorio dell’Unione e caratterizzati da connettività di Rete scarsa o assente.

Pubblicità

L’iniziativa, che ha un valore di circa 15 milioni di euro, mira dunque a risolvere il digital divide anche in Italia.

Nella fattispecie, essa consentirà alle amministrazioni pubbliche locali nostrane, se interessate, di predisporre e offrire connessioni Wi-Fi a cittadini e turisti, in luoghi di interesse collettivo come piazze, uffici pubblici, parchi e strutture sanitarie.

Per accedere ai finanziamenti, i Comuni dovranno registrarsi sul portale dedicato WiFi4EU tra le ore 13 del 3 giugno alle ore 17 del 4 giugno, e inoltrare la propria candidatura.

La procedura prevede che, sebbene le domande saranno valutate in base all’ordine di pervenimento, la distribuzione dei fondi avverrà comunque in maniera equa, poiché da Bruxelles intendono assegnare almeno 15 finanziamenti per ciascun Stato membro.

Le informazioni richieste in fase di registrazione al portale sono le seguenti:

  • Paese e tipo di organizzazione candidata
  • Dati anagrafici del Comune
  • Dati relativi al rappresentante legale o di chi ne fa le veci
Recovery plan, via libera dalla Commissione Europea ai fondi del Next Generation Eu dalla prossima settimana

I buoni ricevuti, invece, potranno essere impiegati per finanziare le seguenti operazioni:

  • Installazione degli hot spot WiFi
  • Infrastrutture per la realizzazione della rete WiFi o per il potenziamento di quella esistente

Ultima ma non ultima, una garanzia da parte del richiedente: il Comune prescelto dovrà completare il progetto finanziato in un tempo massimo di 18 mesi e dovrà assicurarne la funzionalità per un tempo minimo di 36 mesi.

Pubblicità