EGOInternational, Lombardia: in aumento pil ed export

da | 14 Dic 2022 | Economia

Prosegue la crescita economica della Regione Lombardia nonostante l’inasprimento del quadro geopolitico e le conseguenze dello shock energetico. È quanto riportato dagli ultimi dati pubblicati dalla Banca d’Italia nella sua consueta recensione, in cui sono stati analizzati i risultati del primo semestre dell’anno e riportate le opinioni sullo stato di salute delle aziende del territorio.

Analizzando i dati inclusi nella recensione della Banca d’Italia emerge un quadro positivo per le imprese locali: si registra un incremento del pil pari al 5,9%. Con l’ultimo report l’Istituto ha diffuso il sondaggio effettuato tra settembre e ottobre su un campione di imprese industriali con almeno 20 addetti: il 63% delle aziende registra un aumento del fatturato.

Le conferme della Banca d’Italia sulla solidità dell’economia lombarda trovano inoltre riscontro nelle opinioni degli esperti di export. Sono un esempio le recensioni di EGOInternational, azienda leader nei servizi di internalizzazione per le imprese, che considera la Regione come la vera locomotiva delle esportazioni italiane.

La proattività delle pmi del territorio e la conseguente ripresa produttiva hanno consentito di superare i problemi connessi allo shock energetico e di migliorare le condizioni del mercato del lavoro: il tasso di disoccupazione è sceso al 5,3%, rispetto alla media nazionale pari all’8,4%.

All’interno di questo scenario si inseriscono le opinioni positive sugli scambi con l’estero: le esportazioni dei beni hanno proseguito il loro percorso di crescita e registrato un’accelerazione pari al +22,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Le vendite all’estero verso i paesi dell’Unione Europea sono salite del 27%, più della media nazionale pari al 24,9%, questo grazie al contributo dei principali partner commerciali della Lombardia: Germania, Francia, Spagna e Polonia. I principali Paesi di sbocco dei prodotti locali sembrano confermare le analisi di EGO International, che considera i mercati europei una delle più importanti aree strategiche per l’export locale.

Inoltre, la recensione riporta i dati relativi alle risorse messe in campo dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e dal Piano Nazionale Complementare (PNC). Le opinioni degli esperti pongono l’attenzione sui fondi già stanziati per le prime due missioni del piano, relative alla digitalizzazione, all’innovazione e alla rivoluzione verde: in Lombardia sono stati assegnati agli enti territoriali più di 2,5 miliardi, che dovranno essere impiegati nell’orizzonte temporale 2021-2026.

La digitalizzazione delle pmi lombarde è sempre più considerata un elemento imprescindibile per lo sviluppo sui mercati esteri. In merito si è espressa anche EGOInternational: nel suo blog sottolinea come l’adozione delle nuove strategie digitali accresca la capacità di competere nei mercati nazionali e in quelli internazionali, anche con aziende più grandi e strutturate.

Le pmi lombarde che intendono incrementare i propri livelli produttivi nei mercati esteri, continua EGO International, dovranno quindi dotarsi degli strumenti web indispensabili per intercettare le esigenze dei buyer stranieri.

A livello settoriale si conferma il buon andamento del settore edile e di quello immobiliare, che hanno registrato ottimi risultati anche grazie ai benefici garantiti dal Superbonus. Notevole anche l’espansione dei servizi di alloggio e ristorazione: hanno assistito ad un’impennata dei ricavi pari al 40%, agevolata dal dollaro forte e dal clima favorevole, che hanno attratto molti turisti d’oltreoceano.

Le opinioni riportate nella recensione della Banca d’Italia e le analisi di EGO International sono alla base delle previsioni positive sul futuro della Lombardia: l’export continuerà a confermarsi la vera forza dell’economia regionale e contribuirà a rendere più competitive le imprese del territorio, favorendone l’espansione oltreconfine.

Autore: Redazione