DSA, ovvero tutti quei disturbi a livello neurologico e non solo, sono sempre più precocemente diagnosticabili grazie a diversi servizi, come quello offerto da C.T.A.

 

DSA sono tutti quei disturbi che rappresentano un deficit a livello della lettura (dislessia), dell’ortografia (disortografia), della forma della grafia, del disegno oppure dell’attività motoria a causa della mancanza di  coordinazione (definita disgrafia), oppure nella discalculia. E’ un quadro complesso e non sempre la famiglia e gli insegnanti sono in grado di comprendere la portate di una diagnosi precoce e di un rapido intervento.

Oggi le difficoltà di apprendimento sono molte e molte famiglie si trovano nella necessità di ottenere una diagnosi per poter mettere i propri figli nelle condizioni migliori per imparare e stare bene a scuola. La Dottoressa Elena Simonetta considera la DSA come un esito di esperienze traumatiche, che si inserisce all’interno di un approccio multifattoriale. Questo approccio evidenza che tra coloro a cui viene diagnosticato un DSA vi è una prevalenza di bambini con un “attaccamento insicuro” e con esperienze traumatiche nell’età infantile.

C.T.A. offre un servizio completo che parte dalla diagnosi fino alla presa in carico globale dei giovani pazienti e delle famiglie, coordinato dalla Dottoressa Sironi. C.T.A. non è quindi solo è un ente autorizzato a rilasciare diagnosi di difficoltà di apprendimento, ma è uno dei pochi centri che offre alle famiglie anche un approfondimento emotivo che può aiutare a individuare le cause delle difficoltà e a intervenire nella maniera migliore per sostenere il percorso scolastico dei bambini e ragazzi.

Sul sito sempre aggiornato di C.T.A.potete trovare l’intervista completa alla Dottoressa Beatrice Sironi, coordinatrice del servizio DSA del C.T.A..

La scheda Partner di C.T.A. è raggiungibile nell’APP alla categoria “Centri Terapeutici”.

 

C.T.A. Centro di Terapia dell’Adolescenza 
Via Valparaiso 10/6 – 20144 Milano
Tel. 02 29511150
Email: info@centrocta.it
Web: www.centrocta.it

 

Condividi questo articolo!
WhatsApp Me!