Depressione per tradimento, ecco come affrontarla e tornare sereni

da | 11 Lug 2022 | Salute-Benessere

Nessuno vorrebbe mai essere tradito, ma molte persone hanno subito e vissuto questo trauma.

La non comunicazione e il non capirsi porta al tradimento.

E’ possibile distinguere diverse tipologie d’infedeltà:

  • sessuale in cui c’è solo un implicazione carnale.
  • emotiva, in cui si instaura un vincolo affettivo.
  • adolescenziale, in cui il soggetto tradendo cerca di affermare il proprio spazio e la propria libertà.
  • quella dovuta a un’insoddisfazione di coppia, che la persona non è riuscita o non ha voluto affrontare con il partner.
  • strumentale, che ha come fine la vendetta o il mettere fine al rapporto.
  • quella che viene vissuta come una componente normale del rapporto in cui si ha totale libertà.

Generalmente l’uomo tradisce perché insoddisfatto sul piano emotivo o sessuale, invece la donna per ricerca di attenzioni e romanticismo.

Altri motivi che portano al tradimento sono il narcisismo, il piacere di sedurre o il bisogno di trasgredire.

 

Perchè avviene un tradimento

I fattori che contribuiscono al tradire sono diversi e dipendono dalla storia della coppia, dalla capacità di risolvere i conflitti, dalla fase di vita che si sta attraversando.

Alcuni di questi fattori sono: evitamento dei conflitti per la paura che danneggino il rapportomancanza di condivisione e complicità, il non comunicare in modo adeguato, mettere l’altro prima di noi stessi, non ritagliare i propri spazi e quelli di coppia, insoddisfazione sul piano sessuale o emotivo, assenza di confini d’interferenze esterne familiari o amicali.

Alcuni segnali che fanno capire un possibile tradimento sono cambiamenti nella relazione con il partner, esempio nella quantità e qualità di tempo trascorsa insieme, cambiamenti nell’intimità, maggior cura di se stessi, sbalzi di umore, irritabilità, cambiamento nell’uso del cellulare e dei social.

Il dolore per un tradimento può durare mesi o anni, fondamentale è chiedere aiuto per superare la depressione e l’angoscia provocata dal tradimento.

 

L’esperienza della Dott.ssa Valentina Calzi

“Dai racconti delle mie pazienti su questo tema, emerge come il tradimento annienti la persona tradita, fino a portarla a non voler più avere alcuna relazione, all’apatia e alla depressione”, afferma la Dott.ssa Valentina Calzi.

Scoprire l’infedeltà del nostro partner è psicologicamente e fisicamente devastante.

Il tradimento comporta la rottura del rapporto di fiducia con il proprio partner. Tradire genera in chi subisce il tradimento sofferenza, dolore, senso di colpa, inadeguatezza, insicurezza, vuoto, smarrimento, vulnerabilità nei rapporti, rabbia, ansia e depressione.

Il tradimento provoca uno shock, un trauma profondo, una ferita nel sistema di attaccamento che mina la nostra autostima e fa emergere in noi una forte delusione che ci porta a costruire dei muri emotivi.

Molte persone arrivano a sviluppare depressione per il tradimento, si chiudono in se stesse, non si fidano più nelle relazioni amorose, hanno pensieri intrusivi costanti sull’evento che interferiscono con la funzionalità quotidiana e la concentrazione, il mal di vivere predomina.

 

Come superare la depressione per tradimento

Secondo la Dott.ssa Valentina Calzi. è importante superare questa depressione per tradimento chiedendo aiuto a uno psicoterapeuta lavorando sul trauma subito.

E’ fondamentale non rimanere legati alla delusione e al dolore, ma accettare, elaborare e prendere consapevolezza di ciò che è accaduto.

Un lavoro sulla propria autostima ed elaborazione del tradimento permette di migliorare, accrescere le nostre risorse interiori, consente di capire nuove modalità da mettere in atto nella relazione con il futuro partner, di abbattere i muri emotivi e ritrovare la propria serenità e capacità di amare.

 

Dott.ssa Valentina Calzi

Psicologa clinica e Psicoterapeuta a Milano con specializzazione in Analisi Bioenergetica, conseguita presso S.I.A.B., affiliata all’International Institute for Bioenergetic Analysis (I.I.B.A.) di New York, fondata da Alexander Lowen.

Tel. 339.4012023
Email: valentinacalzi@libero.it
Sito web: www.valentinacalzi.it

Pubblica la tua notizia!

Pubblica autonomamente il tuo articolo o comunicato stampa.