Decreto “Ristori Quater”: il governo è al lavoro per il rinvio delle tasse Irpef, Irap ed Ires. Un altro ciclo di bonus e contributi a fondo perduto

 

Il Decreto “Ristori Ter” è stato pubblicato solo ieri in Gazzetta Ufficiale e da qualche giorno sentiamo già parlare del Decreto “Ristori Quater”. Ma in cosa consisterà il quarto decreto sui ristori alle imprese?

Secondo le prime indiscrezioni, l’esecutivo del governo sarebbe già messo al lavoro con l’obiettivo di bloccare gli acconti con scadenza il 30 novembre (Irpef, Irap ed Ires), che andrebbero sicuramente a pesare ulteriormente nelle tasche delle aziende e delle partite Iva, affinché i pagamenti non vengano processati ed inviati prima che possa avvenire il blocco.

Il blocco ed eventuale rinvio potrebbe riguardare tutti i settori economici che hanno subito delle perdite di fatturato semestrale pari o superiore al 33%.

Contagi di oggi 25 novembre, Coronavirus in Italia e Lombardia

Il nuovo decreto legge dovrebbe andare direttamente in Senato e successivamente alla Camera a partire da giovedì 26 novembre e venerdì 27 novembre.

Sono inoltre in corso discussioni per cercare di spostare la data di presentazione della dichiarazione dei redditi e della proroga dei pagamenti legati alla rottamazione delle cartelle esattoriali, oltre a quelle del saldo e stralcio.

Nel Decreto “Ristori Quater” potrebbero essere previste anche una serie di bonus, sgravi e contributi a fondo perduto promossi direttamente dal governo, da emanare con appositi decreti, che prevedono lo stanziamento di risorse atte a garantire la liquidità ai settori più colpiti dalle restrizioni e dal lockdown.

Seguiranno ulteriori informazioni.

Vaccino contro il Coronavirus, è anche italiano quello affidabile al 70%
Il premier in TV: zone rosse, divieto sci, vaccini e aiuti alle partite Iva